box office
"10 giorni senza mamma", con Fabio De Luigi, è diventato il re del box office superando "Il corriere - The mule".

Fabio De Luigi supera Clint Eastwood al box office, esce per tre giorni un documentario sugli Ex-Otago e c’è il poster del debutto da solista di Aldo Baglio.

I film della settimana scorsa rimangono al vertice del box office, ma invertono la posizione: “10 giorni senza mamma”, la commedia con Fabio De Luigi (incassando 1.911.358 euro nello scorso weekend) ha infatti superato “Il corriere – The mule” di Clint Eastwood, fermatosi a 1.444mila euro. Deludenti le prestazioni delle novità, soprattutto quella di “Alita – Angelo della battaglia”, appena sopra il milione, mentre il nostro “La paranza dei bambini”, premiato a Berlino per la miglior sceneggiatura, ha raccolto 644mila euro, facendo però molto meglio di “Un avventura”, il “musicarello” con la canzoni di Mogol-Battisti che ha portato a casa appena 375mila euro.

Intanto, in attesa delle prossime nuove proposte, come sempre giovedì, sarà al cinema da oggi a mercoledì il documentario Ex-Otago – Siamo come Genova, diretto da Paolo Santamaria, che racconta la storia, le fonti di ispirazione e i retroscena della band, che ha partecipato al recente Festival di Sanremo, con il brano Solo una canzone.

La pellicola parla del rapporto del gruppo con la propria città, tema portante dell’album Marassi, partendo dai primi tour nei locali underground per arrivare ai sold out nei club delle grandi città, il concerto nella “loro” piazza de Ferrari, o quello per i detenuti del carcere cittadino, intrecciando gli eventi live con i racconti personali

Appuntamento al 21 marzo, invece, per “Scappo a casa”, la commedia con protagonista Aldo Baglio (del trio Aldo-Giovanni-Giacomo) senza gli abituali compagni di risate. Per il momento abbiamo il poster ufficiale (QUI) e la trama: un uomo ossessionato dall’apparire, maestro nell’uso dei social e per il quale persone e cose contano solo in quanto status symbol, è costretto a ripensare la sua vita durante un viaggio a Budapest.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here