La Voce della Città Metropolitana

Bocciatura del bilancio del Porto: parla Pier Paolo Baretta

La bocciatura del bilancio del porto rischia di mettere in difficoltà i lavoratori portuali

Nell’intervista, Pier Paolo Baretta, sottosegretario Ministero Economia, parla della bocciatura al bilancio del porto e della situazione dell’INPS.

La bocciatura del bilancio del Porto

Sono 21 mila i lavoratori portuali,  molti dei quali rischiano di non prendere l’integrazione al reddito, anche a causa del crollo del mercato nell’ambito del porto.

Le motivazioni

Viene sottolineata la necessità di fare chiarezza per quanto riguarda le motivazioni che hanno portato alla bocciatura. Le ragioni devono avere un solido fondamento,  al di là delle posizioni politiche, afferma Baretta, altrimenti la bocciatura risulterebbe essere un errore.  Il porto di Venezia infatti,  ricopre importanza strategica per i mercati nel resto del mondo, oltre che per il centro ed Est Europa: per questo motivo deve essere tutelato e valorizzato. Tuttavia, secondo Baretta vi è la possibilità di avere una deroga per aiutare i lavoratori portuali, soprattutto dal momento che il bilancio è in attivo.

INPS

Nell’intervista viene anche affrontato l’argomento dei recenti problemi che ha dovuto affrontare l’INPS, i cui ritardi sarebbero dovuti all’eccessivo sovraccarico del sistema.  Ritorna ad essere evidente quini, proprio a causa del coronavirus, l’esigenza di velocizzare i meccanismi burocratici.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close