Il 13 esimo Festival della Biennale Danza sarà dal 21 al 30 giugno negli spazi dell’Arsenale, al Teatro Malibran e anche all’aperto in Via Garibaldi con performance offerte ai passanti. Saranno in tutto 29 le performance proposte che porteranno a riflettere per il terzo anno consecutivo sulla rappresentazione di noi stessi.

Biennale Danza: Il titolo di quest’anno

Questa edizione sarà diretta da Marie Chouinard che vuole spiegare il significato che sta dietro al titolo “On becoming a smart god-dess”. Ci fa sicuramente capire la danza sia una manifestazione dello spirito e prosegue la Direttrice “E’ come una poesia. C’è il nome god e goddess nella stessa parola e ‘on becoming’ è il movimento della transazione, della trasformazione”. Il focus di quest’anno non è solo il danzatore come strumento ma anche il corpo nella sua fisicità.

L’obiettivo

Questa prima avventura in Biennale per la Chouinard è una vera e propria sfida che raccoglie in quanto per lei è la prima volta come direttrice di un festival. Il suo obiettivo è quello di creare un’esperienza per il pubblico che sia come l’atto del mangiare, assumendo informazioni che entrando nel corpo attuano una trasformazione nell’essere.

Il Leone d’Oro alla carriera per la Biennale Danza 2019 è stato attribuito al performer e coreografo Alessandro Sciarroni. Il Leone d’Argento va alla coppia di artisti francesi Théo Mercier e Steven Michel.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here