Venezia Città Stato

Benno Albrecht: come finanziare “Venezia come Boston”

L'espansione di un'università viene coperta dallo stato. I soldi che l'università produce sul territorio producono PIL

In questa puntata di “Venezia Città Stato” il rettore dello IUAV di Venezia, Benno Albrecht, ci parla del progetto “Venezia Come Boston“.  Alla città non costa niente perché paga lo stato. Ma l’aspetto del canale burocratico da attraversare senza farsi male, come lo ha trovato?

Benno Albrecht, rettore Iuav

“E’ lo stato che paga, perché le università sono lo stato. Di conseguenza l’espansione di un’università viene coperta dallo stato. I soldi che l’università produce sul territorio, le ricadute che ha sul territorio. Cadono sul territorio ma producono innalzamento del PIL, innalzamento del prodotto.  Che vuol dire tasse che ritornano allo stato. In questo senso è un movimento circolare, lo stato anticipa e avrà un ritorno in questo senso”

Rappresentanza

“Abbiamo qui un rappresentante del governo, l’onorevole Brunetta, che si interessa di Venezia in prima persona. E’ anche presidente della nuova fondazione di cui noi siamo tra i fondatori, che si chiama ‘Venezia capitale mondiale della sostenibilità’. Raccoglie la rappresentanza politica, perchè c’è Brunetta, Zaia e Brugnaro come vice-presidenti. Ci sono le università, le grandi aziende ed è un luogo dove si discute di queste cose.

E’ un progetto approvato e portato avanti, e siamo tutti convinti sulla validità di questo progetto e sulla sua assoluta fattibilità”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close

Disattiva AdBlock per sostenerci

Televenezia ogni giorno mette a disposizione informazioni e contenuti gratuiti. La libertà d'informazione deve essere sostenuta e Televenezia lo fa anche grazie ai banner pubblicitari. Sostienici e disattiva AdBlock