Servizi Economia e società

Baristi a rischio per gli assembramenti: parla l’avvocato

I pubblici esercizi rischiano di essere multati per assembramenti che si possono formare davanti alle loro attività. Consigli dall'avvocato Alberto Teso

C’è rischio di multa per i pubblici esercizi in caso di assembramenti all’esterno dei locali. Parla l’avvocato Alberto Teso delegato Ascom di Jesolo. A Jesolo nel weekend alcuni baristi hanno dovuto chiudere l’esercizio, bar o chiosco, proprio perché si sono resi conto dell’impossibilità di allontanare gli avventori che avendo acquistato prodotti per asporto da consumare a casa li hanno consumati invece in piazza in prossimità dell’esercizio.La cosa è vietato dal decreto legge del 25 marzo. La sanzione è rilevante perché va da 400 a 3.000 euro ma è prevista anche la chiusura dell’esercizio.

Baristi a rischio

Sul gestore grava una sorta di responsabilità oggettiva di un obbligo che è quasi irrealizzabile. Non hanno i titoli per allontanare le persone sul suolo pubblico. Si potrebbe chiamare le forze dell’ordine ma c’è il rischio di essere sanzionati proprio per l’assembramento che si è tentato di disperdere.

A Jesolo sono state adottate delle soluzioni immaginando quelle che stanno per essere rilasciate in questi giorni; percorsi limitati per l’accesso e controlli prima del plateatico. Ma Il problema rimane quello che succede una volta usciti dal locale e non si risolverà la settimana prossima quando verranno riaperti i locali perché il divieto di assembramento rimarrà. È contraddittorio che stiamo spingendo per avere consumi all’aperto, ma si chieda al gestore di vigilare che non ci siano gruppi di persone che stazionano.

Consigli dell’Ascom

I consigli dell’Ascom fare quanto umanamente possibile, mettendo cartelli,invitando a tenere comportamenti consoni e rispettosi della legge. Nel caso di allarmi gravi ci potrebbe essere anche la chiusura volontaria. Si confida nelle forze dell’ordine che si sono dimostrate molto comprensive.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button