Ascom: ottimismo nel Sandonatese per l'avvio dei saldi invernali

Giannino Gabriel: “stagione dei saldi invernali, c’è ottimismo”. Il presidente di Federmoda sull’avvio dei saldi nel sandonatese

“Ci sono buone speranze, perché abbiamo notato un ritorno del cliente al piccolo negozio, dove predilige il contatto diretto con l’esercente, apprezzandone la professionalità”. C’è un moderato ottimismo, nelle parole di Giannino Gabriel, presidente provinciale di Federmoda-Confcommercio.

L’inizio dei saldi

Domani partono i saldi invernali e nel Sandonatese c’è attesa di vedere la risposta della potenziale clientela.
“L’aspetto positivo che stiamo notando – spiega ancora Gabriel – è la flessione nella grande distribuzione a favore del piccolo negozio. C’è un ritorno, dovuto al fatto che la gente preferisce il contatto diretto, la professionalità crescente dei negozianti, tale anche grazie ai corsi organizzati da Confcommercio. Ci sono, insomma, prospettive che fanno ben sperare”.

Il presidente di Federmoda, però, non nasconde alcune difficoltà oggettive dovute ad alcune situazioni in qualche modo sfavorevoli alla piccola distribuzione.

“Si va dal Black Friday, allungato ad una settimana, alle anticipazioni dei saldi, sotto altre formule e che vanno a sminuire la “stagione” dei saldi per così dire ufficiali. Poi va considerata la vendita online che va a danneggiare soprattutto i piccoli negozi che, per assurdo, hanno anche la beffa di diverse persone che vanno a provarsi i capi o a vedere un articolo, per poi ordinarlo”.

Aspetti considerati anche dal delegato comunale di San Donà di Piave di Confcommercio, Luigino Fontanello. “Dai primi riscontri, mi sembra di avere inteso che le festività sono state un po’ sottotono dal punto di vista del commercio. E anche la stagione dei saldi sembra arrivata alla chiusura di un ciclo, perché viene sempre trovato un motivo per vare dei pre-saldi e comunque c’è la vendita online che li mette a rischio. Mi auguro, comunque, che a vincere sia la professionalità dei nostri colleghi e la voglia della gente di riscoprire il contatto diretto con gli esercenti”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here