Articoli di Cronaca

Arrestato olandese per duplice omicidio in Repubblica Dominicana

Il cittadino olandese originario di Curacao è stato arrestato in un noto albergo di Rialto. Accusato dell’omicidio di due olandesi nella Repubblica Dominicana

Presentava un curriculum criminale di tutto rispetto, C.A.L., nato il 26.01.1957 a Curaçao, nazione nel Mar dei Caraibi appartenente al Regno dei Paesi Bassi, arrestato nella prima mattinata di oggi dagli uomini della Questura di Venezia, dopo giorni di ricerche.

Alle ore 5.30 di questa mattina i poliziotti delle volanti, con l’ausilio della Unità Operativa di Primo Intervento, hanno fatto irruzione, al termine di attività di appostamento, nella camera di C.A.L. in un noto hotel di Rialto, al fine di eseguire un provvedimento di cattura internazionale emesso dall’autorità giudiziaria della Repubblica Domenicana in quanto l’uomo sarebbe l’autore di un duplice omicidio di cittadini olandesi avvenuto nel giugno 2017 a Seibo (Repubblica Domenicana).

L’uomo, che non ha opposto resistenza, è stato condotto in Questura per gli ulteriori accertamenti sull’esatta identità e in attesa della decisione dell’Autorità Giudiziaria relativamente alla convalida dell’arresto. Lo stesso, che viaggiava come turista a Venezia, è stato rintracciato grazie alla collaborazione internazionale tra le forze di polizia, una collaborazione rafforzatasi anche alla luce della “Conferenza Regionale sulla cooperazione internazionale di Polizia” tenutasi esattamente un mese fa a Venezia.

È stata infatti la proficua cooperazione con le forze di polizia internazionali e con l’Interpol, il rapido scambio informativo e l’uso delle tecnologie e degli strumenti tecnici più innovativi che
ha consentito in breve tempo di rintracciare e arrestare C.A.L, ricercato per il duplice omicidio e indicato come soggetto appartenente ad un pericoloso sodalizio criminale dedito al traffico di sostanze stupefacenti e al traffico d’armi.

La Squadra Mobile svolgerà ulteriori accertamenti ed approfondimenti, d’intesa con l’Interpol, sui reali motivi della presenza di C.A.L. nella città di Venezia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button