Articoli di Cronaca

Arrestati borseggiatori nella stazione di Santa Lucia

I poliziotti della Polizia Ferroviaria di Venezia avevano notato quattro borseggiatori aggirarsi sul piazzale esterno della stazione di Venezia S. Lucia.

Si è conclusa con la condanna ad un anno di reclusione e il pagamento di una multa di 300 euro l’udienza tenutasi nei giorni scorsi a carico di quattro borseggiatori polacchi, senza fissa dimora accusati del reato di furto pluriaggravato in concorso. Per uno di essi, già gravato da precedenti penali specifici, la condanna è stata aumentata a un anno e due mesi di reclusione e 450 euro di multa. In più vi sarà il pagamento delle spese processuali.

L’arresto dei borseggiatori

I poliziotti in borghese della Polizia Ferroviaria di Venezia, durante un consueto servizio di controllo del territorio, avevano notato i quattro uomini aggirarsi in modo sospetto sul piazzale esterno della stazione di Venezia S. Lucia. Si accodavano a gruppi di turisti in uscita dallo scalo ferroviario. Osservavano attentamente i viaggiatori con l’intento di individuare una potenziale vittima.

L’attività di osservazione e pedinamento messa in atto dagli agenti aveva consentivo di cogliere sul fatto. Bloccarono i quattro borseggiatori proprio mentre, approfittando della ressa creata dal flusso dei viaggiatori, sottraevano a un turista orientale il contenuto di un bagaglio.

Durante il controllo, tra l’altro, i quattro stranieri avevano cercato anche di disfarsi di alcuni involucri contenenti banconote straniere, che sono stati posti sotto sequestro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close