Stoccaggio illegale di rifiuti tossici: ora il pericolo nasce dai capannoni industriali abbandonati

Lo stoccaggio illegale di rifiuti tossici continua a cambiare volto: ora nel Veneto ha quello dei capannoni rimasti vuoti ed abbandonati per colpa della recente crisi economica. I carabinieri del Noe di Venezia hanno recentemente scoperto un edificio contenente tonnellate di rifiuti potenzialmente tossici a Fossalta di Piave, il quarto individuato negli ultimi due anni nel territorio di loro competenza ad Albignasego, Brenta di Piave e Rovigo.

Alcuni anni fa era la Cina la pattumiera dei rifiuti europei, ma una legislazione più severa ha chiuso questa frontiera agli smaltitori abusivi, ora il fenomeno è tornato a pesare all’interno del paese anche se tende a spostarsi al sud Italia.

I militari lanciano un appello a chi vede movimenti sospetti attorno a capannoni dismessi perché ne grava la salute di tutti, c’è il rischio che vengano incendiati illegalmente con effetti devastanti nell’ambiente circostante.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here