Servizi Economia e società

Nuovo terminal dei bus Atvo: aperto il cantiere a San Donà

Dopo tanti stop and go oggi è stata messa la firma per l'avvio del cantiere dove verrà costruita la nuova autostazione di San Donà di Piave. Non si tratta soltanto di una nuova infrastruttura ma del primo anello di una catena che cambierò il volto di San Donà di Piave

E’ stato formalmente consegnato il cantiere per la realizzazione del nuovo terminal dei bus Atvo di San Donà di Piave, che sorgerà in via Pralungo, alla presenza del sindaco della città, Andrea Cereser.

Nuovo terminal dei bus Atvo

La scorsa settimana la firma, nella sede di Atvo, del contratto con l’Ati, l’associazione temporanea di imprese, che si è aggiudicata la realizzazione del nuovo terminal. Oggi, dunque, la consegna dei lavori, cui seguirà la recinzione dell’area, la demolizione di una struttura ivi esistente, la pulizia completa e l’avvio dell’opera.

ll commento del sindaco

“Questa è una giornata importante – ha commentato il sindaco Cerser – perché, dopo anni che se ne parla, la gru è il segno visibile della trasformazione che si è avviata. La consegna del cantiere per l’avvio dei lavori si aggiunge a quello che già è accaduto con la Cantina dei Talenti e che vedrà, per almeno quattordici mesi, il cantiere di realizzazione dell’autostazione.

Quest’opera è sicuramente un motore per lo sviluppo. Tutti gli esperti che si occupano di rigenerazione urbana sostengono che, dove il cuore di un intervento è una struttura di mobilità, come appunto la coppia di stazioni ferro e gomma, tutto il resto intorno ha grandi possibilità di svilupparsi e di creare ricchezza.

Sono, dunque, fiducioso che oggi, parlando anche dei prossimi dieci-quindi anni, si avvia un processo importante per la rigenerazione della città”.

Da ricordare che qui sorgerà anche la nuova stazione ferroviaria, il cui iter di aggiudicazione dei lavori è
in fase avanzata.

Il commento di Atvo

“Oggi è un’altra giornata importante per il trasporto pubblico del nostro territorio – ha commentato il presidente di Atvo, Fabio Turchetto – perché abbiamo aggiunto un altro tassello al via dei lavori del nuovo terminal, che migliorerà ulteriormente i servizi per gli utenti e ma permetterà di mettere a disposizione la possibilità di un interscambio ferro-gomma. Da ricordare, infatti, che sarà realizzata anche la nuova stazione ferroviaria, il cui iter burocratico è in corso”.

I lavori e l’opera

I lavori saranno, dunque, eseguiti dall’Ati, cui fanno parte le aziende: Susanna Costruzioni e Ifaf di Noventa di Piave, Intese di San Donà di Piave e Fiel di Ceggia. Successivamente si procederà con la messa a cantiere dell’area, con i lavori che saranno completati entro il mese di dicembre del 2022, per un costo di poco più di 4 milioni di euro, cui vanno aggiunti circa 56 mila euro di costi per la messa in sicurezza.

Il nuovo terminal dei bus di Atvo sorgerà in un’area di 15mila metri quadrati situata tra le vie Pralungo ed Ereditari, a ridosso della cosiddetta Cantina dei Talenti. Avrà uno stile architettonico moderno e in grado di dare ulteriori garanzie di servizi all’utente, a cominciare da una sala d’attesa molto ampia. Da ricordare che Atvo dispone di 300 mezzi, 120 dei quali al servizio di San Donà di Piave dove, per lo spostamento dell’autostazione, sarà ripensato il servizio urbano.

Il commento della Città Metropolitana

Così aveva commentato Saverio Centenaro, delegato del sindaco metropolitano Luigi Brugnaro. “Si tratta di un progetto rivolto al miglioramento dei servizi al cittadino, anche per quanto riguarda il trasporto pubblico, particolarmente importante in un’area come quella del sandonatese, snodo fondamentale per il trasporto pubblico, utilizzato anche da moltissimi giovani studenti delle scuole superiori del territorio del Veneto Orientale. Il fatto che il terminal poi coincida con la realizzazione anche dalla nuova stazione ferroviaria accresce il valore di quest’opera che diventa complementare per il trasporto pubblico dell’area del sandonatese”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button