Articoli di Cultura e Spettacolo

Antonello Venditti: il concerto di Jesolo verrà recuperato a dicembre

A causa del perdurare dello stato di emergenza e delle vigenti disposizioni ministeriali, è rinviata a sabato 19 dicembre la data di Jesolo (ve), prevista per il 16 maggio. Entro il 31 luglio verrà ufficializzata anche la data di recupero del live di Marracash del 28 marzo scorso

A causa del perdurare dello stato di emergenza e alla luce delle ultime disposizioni governative, è rinviato a sabato 19 dicembre il concerto di Antonello Venditti al PalaInvent di Jesolo (VE), previsto per il 16 maggio. I biglietti già acquistati saranno validi per la nuova data. È possibile rivendere i biglietti utilizzando la piattaforma Fansale di TicketOne. Tutte le informazioni su www.friendsandpartners.it, www.azalea.it e www.ticketone.it .

Per quanto riguarda il concerto di Marracash, originariamente previsto per lo scorso 28 marzo sempre al PalaInvent di Jesolo, la data del recupero verrà ufficializzata entro il giorno 31 luglio 2020.

Il tour di Antonello Venditti

Continua per Antonello Venditti il tour che celebra i 40 anni di “Sotto il segni dei pesci”, ciclo di concerti dove il cantautore romano, accompagnato dalla sua band storica, dà vita a concerti intergenerazionali, con i brani dell’album inseriti al centro di 45 anni di canzoni, tra cui hit memorabili come “Giulio Cesare”, “Ci vorrebbe un amico”, “Roma Capoccia”, “Notte prima degli esami”, “Amici mai”, “Grazie Roma”, “Benvenuti in paradiso”. Un live che riesce a riunire, grazie alla scelta di una scaletta e di un allestimento potenti, generazioni diverse e apparentemente lontanissime, sotto la stessa costellazione.

Antonello Venditti, nato a Roma nel 1949, già da giovane conquista immediatamente la vetta delle classifiche con canzoni che diventano vere e proprie colonne sonore della vita di intere generazioni. Nei suoi spettacoli dal vivo è capace di appassionare e far sognare il pubblico conducendolo in un lungo viaggio attraverso le pagine più emozionanti della storia della musica italiana, pagine che lui stesso ha contribuito a scrivere, dagli anni ’60 fino ai giorni nostri. Considerato fra i più popolari e tra i più prolifici della cosiddetta Scuola Romana, dal 1972, anno del suo debutto discografico, ha condensato nel suo repertorio canzoni d’amore e d’impegno sociale. Con 30 milioni di copie è uno tra gli artisti italiani con il maggior numero di dischi venduti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button