Quello delle case popolari è un argomento molto dibattuto e molto attivo che continua ad allarmare soprattutto dopo l’entrata in vigore della legge 39 del 2017. Quest’ultima prevede un abbassamento dell’isee da 23 mila a 20 mila euro. Con Giorgio Rocelli parleremo del quartiere Pertini.

La situazione nel quartiere Pertini

Volgiamo lo sguardo nel quartiere Pertini di Mestre dove la legge ha scombussolato soprattutto le vite degli anziani che hanno visto aumentare in maniera esponenziale il proprio affitto. Testimone è Giorgio Rocelli, presidente del comitato del quartiere e grande militante per tutte le battaglie inerenti le case popolari. Premettiamo che il Veneto ha il maggior numero di alloggi popolari, per la precisione 40.000 tra cui oltre 15mila solo a Venezia.

Nel quartiere invece si registrano 650 alloggi, tra cui gli sfratti arrivano a 142. L’82% ha registrato una aumento a causa della legge del 2017 e solo il 12% ha ottenuto una diminuzione dell’affitto sulla base dell’isee mentre il 6% non paga. Rocelli assieme alla regione e al comune ha avviato una serie di battaglie per mandare via le persone che dispongono di molto denaro liquido. Ci racconta inoltre che si stava creando un gruppo della criminalità organizzata che minacciavano soprattutto gli anziani.

Va detto che gli anziani nel momento in cui perdono la casa perdono anche le radici e per questo Rocelli ha proposto un’idea al sindaco di Venezia: mettere insieme gli anziani in un unico quartiere a favore dell’aggregazione, raggiungendo obiettivi importanti tra cui affitti contenuti e la compagnia che spesso in età avanzata viene a mancare.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here