Articoli di Cronaca

Trenta chili di alimenti scaduti in un bar: maxi multa

Parte del cibo non era tracciabile. Sequestrata anche una tonnellata di vongole a Chioggia

L’equipaggio della Motovedetta della Compagnia Carabinieri di Chioggia Sottomarina, ha eseguito in mare e nella città lagunare una serie di servizi finalizzati al contrasto alle violazioni in materia di pesca e commercializzazione di prodotti ittici e alimentari.

Sanzioni

In particolare, un pescatore chioggiotto è stato sanzionato amministrativamente per la cifra complessiva di euro 3.000. All’interno di un magazzino e a bordo della propria autovettura, deteneva in totale 1000 kg. circa di “vongole veraci”, prive del prescritto documento di accompagnamento.

Inoltre, per euro 2000 veniva sanzionato un altro pescatore poiché a bordo della propria imbarcazione deteneva 50 kg di vongole in eccedenza rispetto al massimale del prodotto pescabile.

Controlli ai bar e ai mercati

Un pescatore è stato sanzionato per €1.500 poiché deteneva per la vendita, all’interno del proprio box, 100 kg di pesce azzurro. Privi di documenti per la tracciabilità, e quindi sottoposti a sequestro per lo smaltimento.

Alimenti scaduti

Gli stessi Carabinieri hanno eseguito controlli presso bar, ristoranti e stabilimenti balneari, finalizzati al contrasto delle violazioni in materia tracciabilità alimentare e rispetto delle norme igienico-sanitarie, e nello specifico hanno sanzionato per un totale di € 4.800 la titolare di un bar del luogo poiché deteneva per il confezionamento e la vendita 30 kg di alimenti scaduti e privi di documenti per la tracciabilità. Prodotti sottoposti a sequestro per il successivo smaltimento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button