La Voce della Città Metropolitana

Alessandra Parentela e Michela Longo: “Un viaggio chiamato psicoterapia”

Alessandra Parentela e Michela Longo, scrivono a quattro mani. Il libro è presentato dalla critica letteraria Sara Zanferarri.

“Un viaggio chiamato psicoterapia”. Storia di un percorso difficile emozionante e a tratti unico. Un libro scritto a quattro mani da Alessandra Parentela e Michela Longo. CTL editore (Livorno).

La critica di Sara Zanferrari

Il libro è scritto in forma di romanzo e di dialogo. Ha vinto il premio “Opera prima” Etnabook. Questo libro è nato da un’esperienza tra Alessandra la terapeuta e Michela la sua paziente.

Alessandra ha tenuto un diario sulla loro relazione, perché di fatto la terapia è una seduta “intima” che si tiene tra paziente e terapeuta.

Una frase tratta dal libro:

“Hai ragione sempre tu doc. Bisogna essere capaci di riconoscere quando si deve allentare la presa, anche su ciò che è stato importante. Fino a oggi pensavo che non farlo fosse segno di forza. Ho capito che è proprio il contrario.

La forza sta proprio nel saper mollare al momento giusto. In modo da paradossalmente poter osservare e suggellare l’importanza che questo qualcosa o questo qualcuno, ha ricoperto per noi in un dato momento. Questa riflessione, un pelo sofferta, vale per il mio sasso”.

Il libro di Alessandra Parentela e Michela Longo

Questo libro è per tutti. Perché tutti dovrebbero interrogarsi su chi sono, per darsi l’opportunità di vivere l’unica vita che hanno nel miglior modo possibile.

E il modo migliore lo si conquista soprattutto con la consapevolezza di sé. Per chi ha fatto un percorso di psicoterapia. Per chi sta pensando di intraprenderlo. E anche per chi vuole solo conoscere un po’ di più della psicoterapia.

Per chiunque consideri le relazioni umane pietra miliare della propria esistenza. Perché questo libro parla di psicoterapia, e di una relazione tanto difficile quanto profonda, di quelle che tutti dovrebbero provare, ma che forse non tutti hanno la fortuna di sperimentare nella propria vita.

A scrivere sono due donne che si sono incontrate per caso. E a cui, ogni tanto, il caso fa iniziare delle storie che lasciano il segno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button

Disattiva AdBlock per sostenerci

Televenezia ogni giorno mette a disposizione informazioni e contenuti gratuiti. La libertà d'informazione deve essere sostenuta e Televenezia lo fa anche grazie ai banner pubblicitari. Sostienici e disattiva AdBlock