Stanno Facendo un 48

Alessandra Miani: questo modo di fare scuola è vecchio

La prof.ssa Miani e la prof.ssa Mutarello parlano delle normative scolastiche ormai superate del sistema italiano

La Dad, didattica a distanza: questo è l’argomento della seconda puntata di “Stanno Facendo un ’48″, trasmissione condotta da Patrizio Baroni. La prof.ssa Alessandra Miani e la prof.ssa Rossella Mutarello parlano delle normative scolastiche ormai superate del sistema italiano

L’opinione della Prof.ssa Alessandra Miani sul sistema finlandese

“Sarebbe la scuola dei miei sogni” afferma la prof.ssa Miani, insegnante di inglese al Liceo Scientifico Ugo Morin di Mestre. “Io ho organizzando molti scambi con i ragazzi del nostro liceo, portandoli all’estero e facendogli frequentare la scuola lì per tre settimane, un mese in Australia, America, Sud Africa, dove hanno visto un modo di fare scuola totalmente diverso. Lì fanno certe attività che per loro non sono neanche scolastiche, per esempio suonare, fare teatro. I ragazzi sono sempre rimasti stupiti e affascinati da questo mondo e lo sono anch’io.”.

Le strutture andrebbero cambiate

“Tuttavia si dovrebbe fare un grande cambiamento. In primis delle strutture: quelle scuole bellissime hanno delle strutture che non sono neanche paragonabili alle nostre. Noi non abbiamo spazi sufficienti, da noi è ancora impossibile fare certe attività. Tutte le normative e la stessa struttura ci limitano. A volte se abbiamo più iscritti non sappiamo neanche dove metterli, per fare un esempio”.

“Questo modo di fare scuola è vecchio ormai, ci vorrebbe un cambiamento. I nostri studenti lo vogliono e noi stessi lo vogliamo. Saremmo tutti molto felici di cambiare modo di fare scuola. Noi al liceo Ugo Morin abbiamo anche un bell’ambiente in cui lavoriamo in team, con una dirigente piena di entusiasmo, ma i limiti restano” ha concluso la Prof.ssa Miani.

Parla la Prof.ssa Mutarello Susco

“C’è la necessità di ripensare la scuola. Purtroppo abbiamo una serie di normative, di responsabilità che ci impedirebbero di fare molte delle esperienze che fanno gli studenti all’estero. Si tratta di un problema burocratico. Il nostro regolamento non è allo stesso livello di quello di altri paesi, si tratta proprio di una visione diversa, non solo di strutture e finanziamenti” ha affermato la Prof.ssa Rossella Mutarello Susco, che insegna italiano e latino al Liceo Ugo Morin di Mestre.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button