Gli agenti del Nucleo operativo e del Servizio Sicurezza urbana della Polizia locale avevano da tempo concentrato l’attenzione su quel locale, contestando a più riprese che servisse alcol a minorenni e che costituisse una base di spaccio per i pusher attivi in zona.

Bar chiuso per 15 giorni

Ora, a certificare il buon operato del Corpo, è arrivata anche la chiusura dell’esercizio per 15 giorni disposta dal questore di Venezia Maurizio Masciopinto. La misura è stata notificata questo pomeriggio dagli agenti del Servizio Sicurezza urbana e del Nucleo operativo della Polizia locale al titolare del bar situato all’angolo tra via Manin e via San Rocco a Mestre. Di conseguenza l’esercizio pubblico dovrà tenere le saracinesche abbassate per le prossime due settimane.

La decisione del Questore è giunta sulla base della documentazione raccolta dalla Polizia locale in collaborazione con la sezione di Polizia amministrativa della Polizia di Stato. A inizio giugno, infatti, al gestore del locale erano state contestate delle sanzioni per aver servito alcol a minorenni, mentre a inizio maggio, grazie al fiuto dell’unità cinofila, uno spacciatore venne sorpreso mentre nascondeva della cocaina dietro a uno specchio del bagno.

Pochi giorni più tardi, infine, gli agenti del Servizio Sicurezza urbana, in borghese, riuscirono ad arrestare uno spacciatore subito dopo aver assistito alla vendita di stupefacente a un cliente a Mestre. L’uomo finito in manette era stato visto fare la spola tra il bar di via Manin e un altro esercizio pubblico di via Torre Belfredo.

Dopo i 6 verbali contestati per somministrazione di alcol a minori è stato aperto dal Suap (Sportello unico per le attività produttive) del Comune di Venezia un procedimento da parte dell’Ufficio commercio per l’eventuale sospensione della licenza al gestore del bar.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here