Articoli di Cronaca

“Adotta una telecamera”: a Musile di Piave parte l’iniziativa

Il cittadino potrà installare appositi apparecchi in aree private che riprendono spazi e luoghi pubblici. Il sindaco Susanna: “Uno strumento in più per individuare i responsabili di danni o reati, molte volte difficili da individuare”. A carico del Comune gli oneri per la manutenzione periodica e la responsabilità della gestione dei dati raccolti.

Tutelare e monitorare zone specifiche del territorio attraverso l’installazione, da parte del cittadino, di sistemi di monitoraggio video in aree private a beneficio della collettività. E’ questo l’obiettivo dell’iniziativa “Adotta una telecamera”, provvedimento approvato nel corso dell’ultima giunta comunale a Musile di Piave.

Adotta una telecamera

Lo scopo è quello di estendere il più possibile il controllo in città aumentando i dispositivi di videosorveglianza già presenti, all’incirca una 60ina. Il tutto coinvolgendo i residenti, ma anche le aziende, gli imprenditori, i consorzi, le associazioni, gli amministratori di condominio e chiunque voglia parteciparvi. Il beneficio per il residente è quello di avere uno strumento in più, gestito dal Comune, per individuare eventuali reati o danneggiamenti anche in aree private.

L’installazione

Il cittadino potrà dunque concorrere all’installazione di una o più telecamere in aree private, purché monitorino spazi pubblici o ad uso pubblico (vicoli, strade, piazze o parcheggi). Le immagini verranno connesse al sistema di videosorveglianza comunale.

L’iter obbligatorio prevede la presentazione al Comune di un’apposita istanza da parte dell’interessato. L’ente provvederà poi a concordare un sopralluogo per valutare il punto di installazione, a cui seguirà apposito nullaosta e acquisizione del segnale della telecamera. A carico del residente vi è l’acquisto del dispositivo, degli eventuali accessori e l’installazione degli apparecchi. Il Comune provvederà poi all’ordinaria manutenzione di tutte le telecamere installate, ma anche alla registrazione dei filmati e alla conservazione degli stessi nel rispetto delle norme sulla tutela dei dati personali.

Il commento del sindaco

«La finalità di questa iniziativa – commenta il sindaco di Musile di Piave, Silvia Susanna – è un ottimo esempio di sinergia tra pubblico e privato allo scopo di salvaguardare la sicurezza di tutti, dall’incolumità fisica a quella patrimoniale dei cittadini, fino agli episodi di delinquenza. Abbiamo investito molto negli ultimi anni nell’installazione di telecamere su tutto il territorio e crediamo che con la partecipazione attiva del cittadino si possa migliorare ancora di più nel servizio alla cittadinanza e nell’aiuto alle forze dell’ordine in caso di eventuali riprese che possano essere utili alle indagini».

I dati

I dati saranno conservati in un apposito server e saranno visionabili esclusivamente dal personale autorizzato e dalla polizia giudiziaria. Le immagini registrate, infatti, non saranno visibili ai soggetti adottanti.

«Avere a disposizione maggiori immagini e riprese sul suolo pubblico -aggiunge Sabrina Spitaleri, comandante della polizia locale di Musile di Piave – rappresenta un aiuto in più in numerosi casi. Si pensi ai danni procurati al patrimonio pubblico o a un bene privato, al recupero di veicoli rubati, alla ricostruzione di incidenti stradali o al fenomeno dell’abbandono abusivo di rifiuti. Negli anni ci siamo accorti come la videosorveglianza sia inoltre molto efficace anche in tema di prevenzione e deterrenza».

Come aderire

Nei prossimi giorni si apriranno le domande di adesione al progetto, che saranno recapitate al comando di polizia locale di Musile di Piave.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close

Disattiva AdBlock per sostenerci

Televenezia ogni giorno mette a disposizione informazioni e contenuti gratuiti. La libertà d'informazione deve essere sostenuta e Televenezia lo fa anche grazie ai banner pubblicitari. Sostienici e disattiva AdBlock