Servizi Cronaca

3V Sigma vuole ripartire: via libera per gli ortaggi

È calato il livello di allarme inquinamento dovuto all'incendio divampato nei giorni scorsi a Porto Marghera dell'azienda 3V Sigma.

Scende il livello di allarme sull’inquinamento causato dall’incendio divampato nello stabilimento 3V Sigma di Porto Marghera (guarda il video). Si possono raccogliere i prodotti ortofrutticoli a Mestre e Marghera e l’aria non ha trecce tossiche. Il sito è tutto da bonificare i 50 addetti sono in cassa integrazione.

Battuta d’arresto per la 3V Sigma di Porto Marghera dopo l’incendio che divampato nei giorni scorsi e che ha allarmato l’intera area metropolitana. La ditta però avrebbe dimostrato interesse a rimanere a Marghera, anche perché è tra i destinatari degli investimenti stanziati dal governo e dalla regione per il rilancio industriale dell’area considerata di crisi complessa. In questo momento però la cinquantina di addetti è a casa anche se l’azienda ha garantito il pagamento degli stipendi ai dipendenti con un ammortizzatore sociale dedicato. Gli investimenti saranno determinanti per la ripartenza visto che il sito è collassato.

La bonifica

C’è ancora molto da fare per mettere in sicurezza l’area: ossia i serbatoi da svuotare,e le vasche di contenimento da bonificare con il livello dell’acqua che in questi giorni si è alzato a causa della pioggia. Si tratta di più di mille metri cubi di acque contaminate. Lo scarico delle acque meteoriche, per ora, viene tamponato con dei “palloni” che vengono gonfiati in modo da chiudere gli scarichi e impedire lo sversamento in laguna; dopodiché il sistema dovrà essere messo in sicurezza con delle saracinesche fisse.

L’inquinamento

A cinque giorni dall’incendio e dalla fuoriuscita di sostanze tossiche nell’aria e nell’acqua la situazione comunque sta migliorando. Permane il divieto di pesca nelle vicinanze dell’azienda, nel canale Lusore-Brentelle, canale Industriale Ovest e Nord, Banchina Azoto fino al canale dei Petroli. Perché l’arpav ha invidiato tracce inquinanti e nelle acque della laguna, vicino ai banchi di molluschi, tra San Leonardo e Malamocco, non è stata riscontrata la presenza di inquinanti.

Le novità sulla 3V Sigma e sull’inquinamento ambientale

Mentre l’Ulss 3 ha dato l’ok alla raccolta di ortofrutta a Mestre, Marghera e in tutto il territorio comunale. Le analisi, infatti, «non hanno rilevato presenza di Ipa (Idrocarburi Policiclici aromatici) Anche l’aria non ha criticità. Rimane il danno ambientale rappresentato dalle decine di tonnellate di pesci morti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close