Radio Venezia Gossip

2020: ecco l’anno nerissimo dello show business italiano

Nel primo semestre del 2020 tormentato dalla Covid-19 gli spettacoli sono diminuiti del 64,18%, con una perdita di circa 900 milioni di euro.

Come si temeva, sono drammatici i numeri dello spettacolo del 2020 tormentato dalla Covid-19: secondo l’annuario Siae appena pubblicato, nel primo semestre dell’anno gli eventi tra attività cinematografica, teatrale, concertistica, mostre ed esibizioni sono diminuiti del 64,18% rispetto allo stesso periodo del 2019. Un numero che si pone in contrapposizione alla crescita nel biennio 2018/19, durante il quale era stata registrata una buona crescita del settore. In pratica gli incassi complessivi sono diminuiti dal miliardo e 750 milioni del 2019 ai quasi 850 milioni del 2020

Nel 2020 gli ingressi si sono ridotti di circa due terzi

Il presidente della Siae Giulio Rapetti Mogol ha dichiarato: «Raccontare oggi, in pieno ciclone coronavirus, cosa è stato il 2019 per il mondo dello spettacolo e dell’intrattenimento ha un po’ il sapore amaro delle cose perdute. Purtroppo tutti stiamo vivendo da mesi in un clima di angoscia e preoccupazione, e il settore dello spettacolo, che ha subito ingenti perdite e gravissime ricadute sui livelli occupazionali, è stato tra i primi a chiudere. Basti pensare che nel primo semestre 2020 gli ingressi si sono ridotti complessivamente di due terzi e la spesa del pubblico di tre quarti».

Gli eventi sono importanti per la vita delle persone

Il settore più colpito è quello della musica, con una diminuzione di oltre il 72%, per la cancellazione di più di 14mila eventi e una perdita al botteghino di una cifra intorno ai 190 milioni di euro, ma anche discoteche e sale da concerto minori hanno registrato più o meno lo stesso calo con un ammanco di 75 milioni. Cifre astronomiche che però fanno risaltare come in Italia gli eventi dal vivo siano una base imprescindibile nel tessuto sociale, come sottolineato da Mogol: «Volgendo lo sguardo al periodo pre-Covid, i dati ci confortano e ci danno fiducia: testimoniano, infatti, in maniera significativa, come il pubblico ritenga parte integrante della propria cultura e delle proprie capacità emozionali la partecipazione agli eventi di spettacolo».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button

Disattiva AdBlock per sostenerci

Televenezia ogni giorno mette a disposizione informazioni e contenuti gratuiti. La libertà d'informazione deve essere sostenuta e Televenezia lo fa anche grazie ai banner pubblicitari. Sostienici e disattiva AdBlock