Home Video Gallery Servizi Cultura e spettacolo Il Zogo de l’Oca sempre piu internazionale

Il Zogo de l’Oca sempre piu internazionale

756

Torna a Mirano il Zogo de l’Oca il 12 e 13 novembre 2016, ad animare Mirano, proprio nel weekend di San Martino, forte del detto locale “Chi no magna l’oca a San Martin no fa el beco de un quatrin”.

Alla fine degli anni settanta, l’imprenditore miranese Sandro Albano Zara, gran curioso e cultore delle tradizioni popolari, dalle fiabe ai giochi del passato , riscoprì il “Gioco dell’oca”. Osservando le vecchie e bellissime stampe e contemporaneamente guardando il suo paese, con i suoi personaggi, i luoghi pittoreschi, gli avvenimenti, la storia degli avi, il modo di vita dei vecchi, le antiche tradizioni, pensò di poterne creare uno nuovo, magari un po’ ironico, ma tutto dedicato a Mirano.Manifestò questo suo proposito all’amico pittore Carlo Preti da Mestre il quale sposò subito la sua idea e prendendo spunto dall’ovale della piazza di Mirano, disegnò una tavola del gioco dell’oca in china nera su carta bianca. Era il classico gioco dell’oca, a 63 caselle.

Con 13 oche e 8 “accidenti”. Le altre caselle furono da lui riempite con disegni raffiguranti luoghi caratteristici ed artistici, personaggi, edifici storici, aspetti e momenti della storia e della tradizione miranese. Termina nella piazza di Mirano di fronte al Municipio. Lo scrisse tutto in dialetto veneziano compreso il regolamento che si rifà esattamente a quello classico.Era l’anno 1982 quando Sandro Zara pubblicò l’opera di Carlo Preti il ZOGO DE L’OCA DE MIRAN. Da allora sono state fatte tre edizioni rivedute e corrette. Nell’ultima edizione lo stesso Carlo Preti ha ridisegnato tutte le oche ed apportato rilevanti correzioni per adattarlo all’ “ingigantimento” necessario per portarlo in piazza.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here