Home Notizie Articoli di Economia e società Venezia: il ricordo dell’Aqua granda del 1966

Venezia: il ricordo dell’Aqua granda del 1966

475
aqua granda

Il 4 novembre del 1966 è il giorno dell’Aqua granda, un’acqua così alta non si ricordava a memoria d’uomo.

Il vento di scirocco che soffia impetuoso, l’acqua che continua a salire e sommerge le rive, i campi, le calli che diventano canali da attraversare in barca a remi. Sono le immagini sbiadite ma emozionanti del 4 novembre 1966 a Burano, raccontato nel filmato storico proiettato questa mattina al cinema Pio X alla presenza del sindaco di Venezia, Luigi Brugnaro, del patriarca, Francesco Moraglia, e di numerosi cittadini muranesi tra i quali anche Emma Vidal, centenaria merlettaia conosciuta in tutta l’isola.

“Già nella serata del 3 novembre – ha raccontato commossa la signora Rita – l’acqua era entrata in casa e cominciò a scendere solo 24 ore dopo. Le cisterne di gasolio interrate erano straripate, le fognature scoppiate; eravamo senza luce né acqua potabile. Abbiamo vissuto momenti davvero duri, ma alla fine ce l’abbiamo fatta”.

“Nei giorni della grande alluvione – ha sottolineato il sindaco – i veneziani non si sono arresi: si sono tirati su le maniche, si sono dati da fare in prima persona per risollevare la città. È questo il buon esempio che dobbiamo dare ai nostri figli: smetterla di lamentarci e basta, non aspettare che qualcun altro risolva i nostri problemi, ma dare il nostro contributo, con lo stesso spirito d’iniziativa e la stessa generosità che i veneziani hanno sempre dimostrato nei confronti di chi è più in difficoltà”.

“Burano – ha concluso il primo cittadino – è un po’ il simbolo di tutte le periferie, lontane dai grandi eventi e dalle grandi cerimonie, ma ricche di quel senso di comunità che tutti dobbiamo ritrovare per fare davvero il bene della nostra straordinaria città”.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here