Home Notizie Articoli di Cultura e Spettacolo Un trio e delle musiche da Oscar!

Un trio e delle musiche da Oscar!

232
Steven Spielberg, Tom Hanks e Meryl Streep, faranno insieme un film su un inchiesta del Washington Post.

Un trio da Oscar: Steven Spielberg, Tom Hanks e Meryl Streep insieme in un film, mentre le musiche da Oscar di “La La Land” diventano un grande concerto. 

Un trio da urlo che sembra già in odore di Oscar: Steven Spielberg, Tom Hanks e Meryl Streep lavoreranno insieme per portare al cinema “The Post”, una pellicola incentrata sui fatti del 1971, quando il quotidiano statunitense Washington Post pubblicò i controversi “Pentagon Papers”, documenti top secret sul ruolo degli Usa nella guerra del Vietnam.

Tom Hanks, reduce dal bellissimo “Sully” di Clint Eastwood, vestirà i panni del giornalista Ben Bradlee, mentre Meryl Streep (che ha ricevuto, per “Florence“, la sua ventesima nomination agli Oscar) impersonerà l’editrice Katharine Graham. Il regista Steven Spielberg, da parte sua, è al momento impegnato nella post produzione di “Ready Player One”, e sta lavorando a “The Kidnapping of Edgardo Mortara”.

A proposito di film da Oscar: al recente successo di “La La Land”, nell’edizione 2017 della “Notte delle Stelle”, hanno contribuito sicuramente le musiche di Justin Hurwitz, vincitrici della relativa statuetta (e del Golden Globe), che si potranno ascoltare Il 26 e 27 maggio all’Hollywood Bowl di Los Angeles dove andrà in scena “La La Land in Concert: A Live-to-Film Celebration”, evento in cui verranno eseguite dal vivo da un’orchestra di cento elementi, un gruppo jazz e un coro diretto dallo stesso compositore.

Sarà un vero e proprio show – con il pubblico invitato ad indossare abiti d’epoca, ispirati ai tempi d’oro dell’era hollywoodiana e uno spettacolo di fuochi d’artificio – che successivamente farà tappa in altre città americane: Atlanta, Seattle, Portland, San Diego, San Antonio, Dallas, Indianapolis, Nashville, Milwaukee, Minneapolis, Denver e Washington, D.C. Ma i i produttori fanno sapere che i concerti saranno ospitati anche fuori dagli Stati Uniti: nel Regno Unito, in Canada, Sud America e probabilmente in Italia.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here