Home Notizie Articoli di Cronaca Maltempo: 105 persone curate nelle strutture di emergenza dell’ULSS4

Maltempo: 105 persone curate nelle strutture di emergenza dell’ULSS4

355
0
ULSS4

ULSS4: L’operatività del sistema di emergenza ha funzionato bene ma grandi difficoltà a raggiungere i feriti a causa della viabilità bloccata

Un lavoro enorme quello svolto in poche ore dal personale dell’urgenza emergenza della Ulss4, nei pronto soccorso e nei punti di primo intervento del litorale flagellato dal maltempo. Il bilancio di fine giornata è 105 persone curate da traumi, fratture, ferite derivate dai danni del maltempo. Due i feriti gravi ricoverati nelle strutture dell’Ulss4: una quarantaduenne moldava con un trauma cranico al capo all’ospedale di Portogruaro; un quarantenne lombardo con trauma costale e vertebrale in rianimazione all’ospedale di San Donà di Piave. Altri feriti gravi sono stati ricoverati in ospedali di altre aziende sanitarie.

“Il sistema di urgenza emergenza della nostra Azienda, in rete con le Aziende sanitarie confinanti e la centrale operativa del 118, ha dimostrato di funzionare in moto ottimale – dichiara il capo dipartimento Fabio Toffoletto –  . Il pronto soccorso di Jesolo è stata la struttura che ha sopperito al maggior carico di lavoro. Dal momento in cui si è palesata l’emergenza, nell’arco temporale di 30 minuti l’organico di questa unità operativa è stato implementato di 6 infermieri e 1 medico. La gran parte delle persone curate fortunatamente non ha riportato traumi lievi, i pochi feriti gravi sono stati prontamente trasferiti in strutture adeguate alle proprie necessità”.

“Ho voluto assistere di persona alla gestione dell’emergenza dal pronto soccorso di Jesolo – commenta il direttore generale dell’Ulss4, Carlo Bramezza – . Tutto il personale medico e sanitario ha lavorato egregiamente, con impegno e dedizione, il coordinamento del 118 e la collaborazione con le aziende sanitarie di Venezia e Treviso è stato perfetto e conferma, ancora una volta, che anche in presenza di grandi emergenze, come lo è stata questa, il sistema sanitario veneto in poco tempo è in grado di rispondere a tutte le necessità della popolazione. Ringrazio quindi di cuore tutto il personale di questa Azienda che nelle varie unità operative, da Jesolo a Bibione, senza tralasciare San Donà e Portogruaro, ha lavorato sodo e con grande professionalità, e ovviamente i colleghi delle altre aziende sanitarie che hanno partecipato ai soccorsi”

Sul fronte danni a strutture e aree di proprietà dell’Ulss4, a Jesolo, San Donà, Portogruaro, Ceggia, i servizi tecnici aziendali in mattinata hanno ripristinato tutte le vie di accesso e di uscita alle unità operative, quindi steso una prima lista danni che si aggira sui 300 mila euro.

Questo il dettaglio delle persone curate nelle strutture di emergenza dell’Ulss4 con ferite derivate dall’evento atmosferico:

  • pronto soccorso di Jesolo: 50
  • pronto soccorso di San Donà: 6
  • punto di primo intervento di Bibione: 19
  • pronto soccorso di Portogruaro: 30
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here