Home Notizie Articoli di Cultura e Spettacolo CineEventi: torna nelle sale “La febbre del sabato sera”

CineEventi: torna nelle sale “La febbre del sabato sera”

164

A 40 anni dall’uscita, torna nelle sale italiane – in versione restaurata – “La febbre del sabato sera”, il film sulla disco music che lanciò John Travolta.

Pochi film hanno segnato un’epoca come “La febbre del sabato sera”: diretto da John Badham, usciva nelle sale 40 anni fa (il 16 dicembre 1977 negli Stati Uniti, nel marzo successivo in Italia) e ora torna nei nostri cinema grazie al lavoro della Cineteca di Bologna, che lo ripropone in una versione “director’s cut”, restaurata dalla Paramount e dallo stesso regista. Quindi, da oggi e per tutto il mese di dicembre, si potrà rivivere, o vedere per la prima volta, la storia di Tony Manero, il personaggio che lanciò John Travolta, anche candidato all’Oscar per quel ruolo.

Interamente girata nella zona sud-orientale di Brooklyn, nei pressi del Ponte di Verazzano, la pellicola è un omaggio alla disco music in voga in quegli anni, ma anche la fotografia di un momento storico di grandi trasformazioni sociali. “La febbre del sabato sera” ebbe un enorme successo, come del resto la colonna sonora che riportò i Bee Gees al vertice delle classifiche di tutto il mondo. 

Brutte notizie, invece, per “Bohemian Rhapsody”, il biopic dedicato a Freddie Mercury, interpretato da Rami Malek, atteso per il Natale 2018: 20th Century Fox ha annunciato la sospensione delle riprese, a causa di un problema di salute che affligge il regista Bryan Singer.

Singer non è tornato sul set dopo la festa del Ringraziamento, lasciando i produttori preoccupati,mentre un suo portavoce ha dichiarato che si tratta di «un problema personale di salute che riguarda Bryan e la sua famiglia. Bryan spera di poter tornare al lavoro dopo le vacanze». Come saprete, il film racconterà 15 anni della vita e della carriera di Freddie, dal 1970, anno di nascita della band dei Queen, alla loro storica esibizione al Live Aid, nel 1985 allo stadio londinese di Wembley.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here