Home Notizie Articoli di Cultura e Spettacolo Gruppi italiani emergenti: The Doggone Dogs

Gruppi italiani emergenti: The Doggone Dogs

427
Gruppi in fase di lancio: The Doggone Dogs, a 60 anni passati hanno pubblicato il loro primo album.

Gli ultrasessantenni torinesi The Doggone Dogs fanno il loro debutto con “Love at First Bite”, un album ricco di sfumature e soluzioni davvero originali.

Nell’epoca dei talent c’è chi osa: sono i The Doggone Dogs, un gruppo di musicisti di Torino sopra la soglia dei 60 anni, più che arzilli e con cinque anni di live alle spalle, molto seguiti, nei locali del capoluogo piemontese. E adesso hanno deciso di lanciarsi nell’avventura del loro primo album: “Love at First Bite”.

Il disco è composto da 15 tracce che presentano un continuo intreccio di influenze e una vasta gamma di sonorità, dall’originale interpretazione di canzoni simbolo (come l’iniziale “Harvest moon” di Neil Young; “These Boots Are Made for Walking” di Nancy Sinatra; “Moondance” di Van Morrison e la “St. James Infirmary Blues” portata al successo da Louis Armstrong) al country rock fino ad arrivare alle sfumature new wave/punk dei loro due (almeno per il momento!) inediti, “Trouble” e “Zombie Love“.

Il gruppo parte dai suoni tradizionali della musica americana – country, blues e rock’n’roll – e vola verso destinazioni inaspettate, grazie al frontman, cantante, chitarrista e autore Stewart Arnold, che ha portato la sua passione per la musica country dal New Jersey fino in Italia. Ad accompagnarlo Giancarlo Bonino, Roberto di Bacco e Aldo Terzini, provenienti da culture musicali differenti come jazz, rock, folk, musica celtica e classica.

Assieme i quattro musicisti hanno trovato una zona di incontro nella tipica formazione rock di due chitarre, basso e batteria, costituendo così i The Doggone Dogs. E in “Love at First Bite” (disponibile su tutti i digital stores, distribuito da Capogiro Records e Believe Digital) mostrano che il romanticismo e il desiderio non hanno età e che le tradizioni devono essere sì riconosciute e rispettate, ma solo fino ad un certo punto. Se volete seguirli più da vicino, qui c’è la loro pagina Facebook

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here