Home Video Gallery Servizi Cronaca Processo Mose: i condannati e gli assolti

Processo Mose: i condannati e gli assolti

199

Giorno della sentenza del processo Mose per gli 8 imputati eccellenti

Nelle prossime ore il magistrato, Stefano Manduzio, emetterà la sentenza del Processo Mose per i 9 imputati eccellenti tra cui l’ex Ministro Altero Matteoli, l’ex sindaco di Venezia Giorgio Orsoni, la ex eurodeputata Amalia Sartori, Maria Giovanna Piva ex presidente del magistrato alle acque, Erasmo Cinque, Danilo Turaro, Nicola Falconi e Corrado Crialese.

Nelle ore successive è arrivata la sentenza che ha stabilito 4 condanne e 4 assoluzione. Le condanne per il Processo Mose riguardano l’ex Ministro Matteoli, all’avvocato Corrado Crialese e agli imprenditori Erasmo Cinque e Nicola Falconi; per Mattioli confermata l’accusa di corruzione, con 4 anni di prigione e una multa di 9,750 milioni, per la bonifica di Porto Marghera affidata all’impresa dell’altro imputato Erasmo Cinque condannato anch’egli a 4 anni di reclusione e al pagamento di 9,500 milioni di multa.

Gli altri 2 condannati l’avvocato Corrado Crialese ne esce con anno 1 e mesi 10 e una multa di 1000 euro e l’altro imprenditore è condannato a anni 2 e una multa di 78 000; tutti i condannati potranno proseguire il processo in appello.

L’altro imputato illustre del Processo Mose,l’ex sindaco di Venezia Giorgio Orsoni è stato assolto, recaduta la richiesta di condanna per corruzione per aver ricevuto soldi per la campagna elettorale dal Consorzio Venezia Nuova e prescritta l’accusa di aver ricevuto fondi neri dall’ex presidente del Cvn Giovanni Mazzacurati.

Per due imputati c’è stata la piena assoluzione per non aver commesso il fatto, si tratta dell’ex parlamentare azzurra Amalia Sartori (finanziamento illecito) e per l’architetto Danilo Turato; invece per Maria Giovanna Piva, ex presidente del Magistrato alle Acque, è caduta per preiscrizione l’accusa di essere stata a libro paga del Consorzio Venezia Nuova, inoltre è stata assolta per non aver commesso il fatto per il fatto di essere stata “comprata” con il collaudo dell’ospedale all’Angelo di Mestre.

Le pene più severe, per il Processo Mose, erano state richieste dai PM Stefano Ancilotto e Stefano Buccini proprio alle due cariche più importanti cioè a Matteoli e a Orsoni; al primo era stata fatta richiesta di una pena di anni 6 e al secondo una pena di anni 2 e mesi 3 oltre ad una sanzione ammnistrativa di 1 milione di euro. 

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here