Home Video Gallery Impresa al Centro La scarsa tutela europea nei confronti dei brevetti italiani

La scarsa tutela europea nei confronti dei brevetti italiani

363

Il problema principale è la contraffazione a livello mondiale dei prodotti e dei brevetti Made in Italy. Chi copia in malo modo rovina la visione generale del prodotto e danneggia l’azienda.

Ilaria Turatti è Direttore Area Manager Medio Oriente e Sud Est Asiatico di un’azienda che produce macchinari per la trasformazione di frutta e verdura e denuncia la scarsa tutela dell’Europa nei confronti dei prodotti italiani. Questa azienda ha brevetti che durano da 40 anni e riguardano tutta una serie di hygienic design del settore alimentare.

Coloro che copiano i brevetti lo fanno anche in maniera sbagliata perché dietro non c’è tutto quell’aspetto di ricerca e innovazione necessario. I loro macchinari vengono principalmente copiati nel Sud Est Asiatico, ma ultimamente anche nel mercato europeo, sorprendentemente da aziende tedesche e olandesi. Purtroppo si è tutelati molto poco dalla Comunità europea.

Ilaria Turatti spiega che i loro macchinari vengono principalmente copiati nel Sud Est Asiatico, ma ultimamente anche nel mercato europeo, sorprendentemente da aziende tedesche e olandesi. Ci sono Stati come il Vietnam che impediscono l’acquisto alle aziende di macchinari cinesi per tutelare il loro prodotto interno, ma preferiscono che comprino un prodotto Made in Europa. A livello di brevetti purtroppo si è tutelati molto poco dalla Comunità europea, mentre lo si è di più da un foro di Singapore.

Se si brevetta a livello mondiale prendendo quindi tutta l’area europea, il concorrente decide di copiare in Italia, dove impiega dai 12 ai 15 anni per avere una risoluzione. Invece se va ad attaccarli direttamente nel loro paese di origine (quindi Germania o Olanda) si ha una risoluzione in 2 o 3 anni. Questo comporta un minore danno economico, una minore spesa legale e dopo 2-3 anni si può riproporre il macchinario senza problemi. Si è costretti a registrare il marchio e certi nomi di macchinari. In alcune fiere copiano addirittura i colori aziendali.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here