Home Love in Venice Roger De Montebello “Ritratti di Venezia e altri ritratti”

    Roger De Montebello “Ritratti di Venezia e altri ritratti”

    147
    Roger De Montebello

     In mostra al Museo Correr il lavoro di Roger de Montebello, al limite tra astrazione e figurazione, guidato da una magistrale poetica della luce.

    Perdurante il successo di critica e pubblico la personale “Ritratti di Venezia e altri ritratti” dell’artista franco-americano Roger de Montebello, ospitata al Museo Correr di Venezia, viene prorogata al 1 ottobre 2017.

    A cura dello storico dell’arte e curatore francese Jean Clair, l’esposizione che si snoda nel percorso espositivo del Museo Correr, raccoglie 389 opere, afferenti a tre nuclei di lavori rappresentativi della sua ricerca: un campionario di ritratti spontanei, una serie di vedute veneziane e un ciclo di opere dedicate alla corrida spagnola.

    Il fil rouge che unisce tutta la produzione di Roger de Montebello è la costante traduzione del dato reale catturato dal vero in una dimensione metafisica che colloca il linguaggio dell’artista tra astrazione onirica e restituzione fedele. Nei suoi lavori è la pittura a essere protagonista assoluta, dando vita a un’esplorazione esistenziale che si manifesta nella forma della serialità.

    La medesima tecnica di immediatezza pittorica accomuna la serie dedicata a ritratti di conoscenti e amici, che testimonia la versatilità dell’artista nel padroneggiare la resa dei moti dell’animo, impressi nei volti dei soggetti. Si esprimono invece nel grande formato le tele dedicate agli scorci veneziani, che restituiscono luoghi caratteristici della fisionomia lagunare, con un linguaggio lento, profondo, che trova nella ripetizione una ritmica meditativa e onirica, contraddistinta da un’atmosfera sospesa e luminescente.

    La mostra è arricchita da una speciale pubblicazione, concepita come un portfolio d’artista, con tavole a colori e testi di Gabriella Belli e Jean Clair, utili ad approfondire l’approccio artistico di Roger de Montebello.

    CONDIVIDI

    LASCIA UN COMMENTO

    Please enter your comment!
    Please enter your name here