Home Notizie Articoli di Cultura e Spettacolo Ritorna a Venezia il Palio delle Antiche Repubbliche Marinare

Ritorna a Venezia il Palio delle Antiche Repubbliche Marinare

857
Palio delle Antiche Repubbliche Marinare

Una festa della tradizione e del mare, che combina un messaggio storico culturale alla spettacolarità dell’evento agonistico. Sono già arrivati in città gli equipaggi di Pisa, Genova e Amalfi pronti a sfidarsi, domenica 7 giugno, con i vogatori di Venezia nel 60° Palio delle Antiche Repubbliche marinare. “Un evento voluto con determinazione dall’Amministrazione comunale nonostante tutte le difficoltà che sta attraversando – ha sottolineato Marco Agostini, direttore generale del Comune di Venezia – per il significato che riveste. Nessun taglio dunque per questa antica tradizione lagunare e per le altre regate, tanto che è stato appena approvato il finanziamento per la stagione remiera del 2015”.
Novità di quest’anno: la regata dei Gozzi, in programma alle 17.30 di sabato 6 giugno nella tribuna naturale dell’Arsenale, consentirà ai vincitori di scegliere il numero d’acqua, cioè la corsia di gara per i galeoni del Palio.
Domenica 7 giugno, invece, dopo il corteo storico con la sfilata delle delegazioni in costume, che percorreranno Riva degli Schiavoni, la Piazza, la Piazzetta e il Molo San Marco, senza alcuna sovrapposizione alle celebrazioni del Corpus Domini, inizierà la regata dei galeoni. Nel percorso di 2000 metri, da Sant’Elena al Molo di San Marco, otto vogatori e un timoniere, per ciascuna delle quattro città, a bordo delle loro variopinte imbarcazioni, si contenderanno l’ambito trofeo, negli ultimi due anni assegnato a Venezia. “I nostri atleti si stanno allenando da dicembre e sono in ottima forma – ha assicurato il direttore tecnico – Stefano Zabotto – ma anche gli avversari non scherzano”
Ingresso libero per la kermesse di sabato all’Arsenale, biglietto a pagamento, ma scontato del 50% se si è residenti, per assistere in tribuna al Palio.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here