Home Notizie Articoli di Cultura e Spettacolo Presentata la Finale di Miss Italia 2017 in diretta da Jesolo

Presentata la Finale di Miss Italia 2017 in diretta da Jesolo

404
Finale di Miss Italia 2017

Finale di Miss Italia 2017, Valerio Zoggia: «Una manifestazione che ci ha fatto crescere ed ha contribuito a far registrare un +5% di presenze turistiche durante quest’estate che volge al termine»

LE MISS, MAI COSÌ PROTAGONISTE
È stata la patron del Concorso Patrizia Mirigliani ad aprire la conferenza stampa di presentazione della finale di Miss Italia 2017, svoltasi questa mattina a Milano. L’apertura della diretta televisiva sarà affidata alle miss, a Francesco Facchinetti e a dieci ragazzi del corpo di ballo. “Sarà un omaggio spumeggiante a “La La Land”, il film di Damien Chazelle che racconta la storia d’amore tra un musicista jazz e un’aspirante attrice”. Lo svela Patrizia Mirigliani, patron del Concorso, che ha aperto l’incontro di questa mattina a Milano, salutando e ringraziando i presenti: “Grazie in particolare a La7 per averci riconfermato, Francesco è riuscito a tirar fuori dal concorso uno spirito divertente e ironico”, ha detto la patron.

Tornando alla diretta del 9 settembre dal Pala Arrex di Jesolo, il musical sarà riproposto attraverso più coreografie, dove le miss saranno presentate al pubblico, tutte assieme, fin dal primo minuto. Una scelta di rottura rispetto al passato, che richiede un grandissimo impegno da parte delle ragazze, che stanno lavorando da professioniste per preparare i diversi momenti del programma.

Le ragazze saranno sempre in scena, da vere protagoniste: saranno 30, dieci in meno della precedente edizione, per consentire al pubblico di conoscerle meglio, di apprezzarne qualità e bellezza.

PATRIZIA MIRIGLIANI
Tra le principali novità di quest’anno, la partnership con Venezia attraverso l’adesione alla campagna #EnjoyRespectVenezia. “La parola rispetto ci affascina, ci coinvolge – ha detto Patrizia Mirigliani, ricevuta dal sindaco Luigi Brugnaro assieme alle 30 finaliste – non possiamo parlare di bellezza senza parlare di rispetto, di problemi sociali, di volontariato, di disabilità ecc. Venezia è una sintesi di questa visione e siamo grati ad un sindaco che si sta mostrando sensibile su questi fronti. Siamo felici di far coincidere la nostra storia con quella straordinaria di una città magnifica come questa”.

“Sarà una puntata sull’onda dell’allegria a partire dalla sigla di apertura, che metterà in luce le doti da showgirl delle miss. La 31ª, Rossella Fiorani, lancerà poi un messaggio di inclusione dell’handicap nel discorso riguardante la bellezza e racconta da inviata quello che accade a Jesolo con le ragazze. Vorrei poi evidenziare come La 7 creda ancora più che in passato al Concorso Miss Italia, al quale ha deciso di dedicare ben cinque puntate”.

SQUADRA CHE VINCE NON SI CAMBIA
Gli autori del programma televisiva sono gli stessi dell’anno scorso, all’insegna del motto “Squadra che vince non si cambia”. Il loro nomi Emanuele Giovannini, Ivana Sabatini, Leopoldo Siano e Matteo Catalano. Tante le riconferme, a partire da Francesco Facchinetti, che ha portato al programma televisivo una ventata di energia e di novità rispetto ai nomi del passato, contribuendo al tempo stesso a valorizzare la vera essenza del concorso. Si conferma un’edizione televisiva al femminile: oltre alla stessa patron, la regista, per la seconda volta, è una donna, Giuliana Baroncelli, accanto alla costumista Maria Sabato e alla coreografa Dalila Frassanito.

FRANCESCO FACCHINETTI
“Mi sono ritrovato a condurre una nave che ha voglia di cambiamento. L’anno scorso ci siamo divertiti anche con piccole cose e, quest’anno, proveremo a fare ancora meglio. Cercheremo di farle cantare e ballare. E poi sarà ancora una volta un’edizione social, senza dimenticare che l’anno scorso l’hashtag #missitalia è stato trending topic mondiale. Ai miei figli insegno quanto sono belle le cose semplici, come il sole e il mare. E noi raccontiamo una delle nostre bellezze”.

CHI SONO LE MISS?
Le miss del 2017 sono studiose, ambiziose, impegnate nel sociale, consapevoli. L’età media è di 20 anni: la più grande ha 26 anni, le più giovani sono quattro diciottenni. 27 sono diplomate, 17 sono iscritte all’università. Sono sportive: ben 10 praticano la danza, ci sono campionesse di equitazione, di atletica ed ex agoniste di nuoto. Tre sono curvy, tre hanno origini straniere, una è affetta da una lieve forma di disabilità. È lei la voce di un messaggio di inclusione dell’handicap nel mondo della bellezza, e colpisce per la sua straordinaria determinazione.

MISS ITALIA SEMPRE PIÙ SOCIAL
Nasce il titolo onorifico di “Miss Italia Social”: cinque giurati tra influencer, blogger e youtuber sceglieranno la ragazza che rappresenta meglio la generazione “iperconnessa”. Miss Italia Social è il proseguimento del concetto di “ragazza della porta accanto”.

LE ALTRE NOVITÀ
Innanzitutto Miss Italia Chef, un altro titolo onorifico che entra nella storia del concorso. Può essere considerata la novità più curiosa di questa edizione. Le 30 ragazze più belle d’Italia, vestiranno i panni da chef e metteranno alla prova le loro abilità culinarie nelle cucine de “La Casa di Miss Italia”. Guidate da Simone Rugiati, chef principe de La7 e conduttore di “Cuochi e fiamme”, le miss daranno vita a tre entusiasmanti appuntamenti pomeridiani in onda il 6, 7 e 8 settembre su La7, alle 14:20.
In diretta, sabato 9 settembre ci sarà l’“appello alla nazione” da parte delle mamme delle due finaliste. È un’altra delle principali novità di questa edizione.

Fondamentale poi la presenza di Gabriele Micalizzi a Jesolo: reporter di guerra alla ricerca della Bellezza, Micalizzi segue le finaliste nei vari spostamenti. Sarà lui a realizzare il calendario 2018 di Miss Italia, immortalando oltre alle ragazze anche il fascino di Venezia e Jesolo. “È La seconda provocazione dopo Gianni Berengo Gardin – ha detto Patrizia Mirigliani – Micalizzi ha 30 anni ed è sempre in trincea; è entusiasta di questo incarico, anche per raccontare una Jesolo naturale, sostenibile”.
In trasmissione ci sarà Jessica Notaro, che canterà un suo pezzo e parlerà alle miss in qualità di ambasciatrice di Miss Italia contro la violenza sulle donne.

LA GIURIA
Miss Italia 2017 sarà scelta dai telespettatori, tramite il televoto, e da una giuria formata da cinque personaggi cari al pubblico, che rinnovano la fama delle mitiche giurie della storia del Concorso: Christian De Sica, Gabriel Garko, Nino Frassica, Manuela Arcuri e Francesca Chillemi.

IL TELEVOTO
Per votare la propria miss bisognerà comporre il numero 894.100 da rete fissa, mentre si potrà votare da mobile, inviando un sms con il numero della propria miss, al numero 477.04.71.
Nel corso della serata, come di consueto, si procederà alla progressiva selezione delle 30 finaliste che, attraverso sei sessioni di gara (cinque sottoposte a televoto) diventeranno prima 15, poi 10, poi 5, poi 3 e infine due: una di loro sarà Miss Italia 2017. Il televoto inciderà per il 50% sull’esito delle votazioni complessive.

 

LA PRODUZIONE
Il Consorzio Gruppo Eventi, presieduto da Vincenzo Russolillo, produce anche quest’anno il programma televisivo di Miss Italia. Russolillo ha iniziato la sua collaborazione con la famiglia Mirigliani oltre 20 anni fa, coordinando il concorso nella Regione Basilicata. “Per me – ha detto – produrre il programma rappresenta un particolare motivo di orgoglio e rafforza un legame antico”.
Ecco i numeri relativi all’allestimento del palco, sul quale il 9 settembre verrà incoronata Miss Italia:
Palco mq. 850 (100 in più dello scorso anno)
Boccascena mt. lineari 42
Ledwall mq. 800 (200 in più dello scorso anno)
n. di addetti diretti 80
n. di addetti indotto 120

Il Consorzio Gruppo Eventi non è nuovo ai grandi eventi di spettacolo. “Dal 2009 – spiega Russolillo – siamo al fianco dell’Accademia del Cinema Italiano per la realizzazione del David di Donatello e collaboriamo con il Sindacato dei Giornalisti Cinematografici per i Nastri d’Argento. Siamo presenti alla Mostra del Cinema di Venezia, al Festival del Cinema di Roma, al Concerto di Natale e al Festival del Cinema di Cannes. Come sempre ringrazio e dico che vogliamo portare a casa un bel risultato, quello dell’anno scorso ci ha inorgogliti”.

LA CASA DI MISS ITALIA
Un’altra riconferma di questa edizione è La Casa di Miss Italia, l’area hospitality del Concorso, anche questa realizzata dal Consorzio Gruppo Eventi. La “Casa” ospiterà gli incontri con la stampa e le conferenze istituzionali del Concorso, offrendo uno spazio di intrattenimento per gli addetti ai lavori, per i giornalisti e gli sponsor che qui troveranno un’atmosfera accogliente, un luogo elegante e funzionale e diverse occasioni conviviali.

IL SINDACO DI JESOLO
Alla conferenza stampa è intervenuto anche il primo cittadino di Jesolo, Valerio Zoggia, accompagnato dall’assessora al turismo Flavia Patò. “È il quinto anno di Miss Italia e ora ci stiamo allargando a Venezia – ha detto il sindaco – siamo due città che hanno deciso di accogliere Miss Italia e di far crescere il Concorso coinvolgendo il territorio dell’area metropolitana”. Un impegno importante, che porterà i suoi frutti in termini di visibilità.

IL COMUNE DI VENEZIA
“Porto i saluti del sindaco – ha detto Ermelinda Damiano, presidente del consiglio comunale della Città lagunare – Venezia è emblema della bellezza e va preservata; ospitare le ragazze nei palazzi istituzionali è stato per noi grande motivo di orgoglio. Grazie a Patrizia per aver sostenuto la campagna #enjoyrespectvenezia. Il concorso ci ricorda che la bellezza va rispettata e che vanno eliminate tutte le forme di pregiudizio. Miss Italia fa crescere il nostro Paese è la sua bellezza. Spero che questo sia solo l’inizio di un percorso assieme e in bocca al lupo alle ragazze”.

RACHELE RISALITI
“Questa corona dà un brivido irripetibile, che dura un anno. È giusto che venga indossata da un’altra ragazza, ma abbandonarla, restituirla, non è facile. Ho incontrato persone formidabili, a cominciare da Patrizia Mirigliani. E magnifici sono stati – e sono – la mia mamma, il mio babbo e la mia famiglia allargata, resa ancora più’ unita da questo titolo, che abbiamo condiviso. È vero, siamo stati tutti Miss Italia. Come Federico, il mio fidanzato. Tutti mi hanno seguita e accompagnata ogni volta che è stato possibile. Ed ho considerato la loro presenza un grande atto di amore”. Lo ha detto Rachele Risaliti, visibilmente commossa.

A margine della conferenza sono intervenuti l’avvocato Marco Danzelli, presidente del Codacons Lombardia, che ha parlato dello sportello gratuito antistalking e delle iniziative realizzate assieme a Miss Italia, e Maria Zuccarelli di Equilibra, che ha illustrato il progetto Essere donna, dedicato alla sensibilizzazione sui banchi di scuola e realizzato in collaborazione con le regioni Piemonte, Toscana, Lazio, Campania e Calabria.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here