Home Video Gallery Servizi Cronaca Mestre: le nuove auto e moto in dotazione della Polizia di Stato

Mestre: le nuove auto e moto in dotazione della Polizia di Stato

248
0

Polizia di Stato: le nuove Giulietta in divisa potenziano il parco auto della Questura di Venezia

Un tuffo nel passato proiettato al presente: questa mattina Piazza Ferretto a Mestre ha ospitato la presentazione delle quattro nuove autovetture e delle due motociclette che il Ministero dell’Interno, Dipartimento della Pubblica Sicurezza ha assegnato alla Questura di Venezia per il controllo del territorio.

Allineate, una accanto all’altra c’erano una Giulietta Alfa Romeo del 1960, una Giulia del 1974 insieme ai nuovi mezzi in dotazione alla Polizia di Stato: quattro Giulietta del 2017, che verranno assegnate ai commissariati di Mestre, Chioggia, Jesolo e Portogruaro e due moto BMW, che saranno impiegate per il pattugliamento nei parchi per migliorare la percezione di sicurezza da parte dei cittadini.

Una mattina di festa in piazza Ferretto, con diversi bambini affascinati dai poliziotti in divisa e dalle macchine, storiche e moderne, a cui sono state fatte suonare pure le sirene. La cerimonia di presentazione ha visto la partecipazione del questore di Venezia, Vito Gagliardi, del prefetto Carlo Boffi, del sindaco, Luigi Brugnaro e del consigliere delegato alla sicurezza partecipata Enrico Gavagnin.

Nel dare il benvenuto a Mestre al Questore e nel ringraziare il prefetto per l’attenzione che dedica al territorio, il sindaco Brugnaro ha voluto esprime il proprio apprezzamento per il lavoro svolto dagli uomini e dalle donne della Polizia di Stato, che insieme alle altre Forze dell’Ordine si occupano di tutelare la convivenza civile. “E’ molto importante che la Polizia venga dotata di questi nuovi mezzi – ha aggiunto il primo cittadino – consentiranno di pattugliare l’intero territorio metropolitano. E’ un’ottima presentazione del questore in città, che – ha aggiunto il sindaco – deve diventare luogo dell’ordine e della pulizia, grazie all’impegno del Comune e al contributo che vorranno continuare a dare tutte le persone di buona volontà”.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here