Home Notizie Articoli di Cultura e Spettacolo L’omaggio a Pino Daniele e le porte del Chelsea Hotel

L’omaggio a Pino Daniele e le porte del Chelsea Hotel

262
CONDIVIDI
pino daniele
Il poster dell'evento "Pino è", il più grande omaggio della musica italiana a Pino Daniele, il 7 giugno a Napoli.

Il 7 giugno, allo stadio San Paolo di Napoli, molti colleghi renderanno omaggio al defunto Pino Daniele, gli introiti netti andranno in beneficenza, come parte del ricavato della vendita di alcune porte dello storico Chelsea Hotel di New York.

Jovanotti, Claudio Baglioni, Eros Ramazzotti, Antonello Venditti, Fiorella Mannoia, Gianna Nannini, Francesco De Gregori, Biagio Antonacci, Emma Marrone, Elisa, Giuliano Sangiorgi, Alessandra Amoroso, Mario Biondi, Giorgia, J-Ax, Ron, Tiromancino, James Senese, Tony Esposito, Tullio De Piscopo e altri artisti ancora da annunciare saranno protagonisti di “Pino è”, il tributo della musica italiana alla buonanima Pino Daniele, che andrà in scena il 7 giugno allo stadio San Paolo di Napoli.

A oltre tre anni dall’improvvisa scomparsa, è stato annunciato il progetto del megaconcerto che renderà omaggio alla musica del cantautore partenopeo nel luogo simbolo della sua città. Insieme ai grossi nomi già citati saliranno sul palco anche i componenti delle band storiche con cui Pino Daniele ha inciso gli album dei primi anni ’80 “Nero a Metà” e Vai mo’”

Gli introiti netti saranno devoluti ai progetti benefici di Pino Daniele Forever Onlus gemellata con Save the Children, e alla Pino Daniele Trust Onlus (SITO), gemellata all’Associazione Oncologia Pediatrica e Neuroblastoma – Open Onlus. I biglietti per l’evento li trovate QUI.

Andrà invece a un’organizzazione che si occupa di dare pasti agli homeless, parte del ricavato dell’asta dedicata a 55 porte dello storico Chelsea Hotel di New York, dove hanno soggiornato, nel tempo, Mark Twain, Jim Morrison, Bob Dylan, Jimi Hendrix e Andy Warhol, giusto per fare qualche nome!

Le porte – che potrebbero essere vendute a un prezzo variabile, tra mille e cinquemila dollari ciascuna – sono state salvate dal rischio di essere buttate via, quando l’albergo è stato chiuso nel 2012 per ristrutturazione, dal senzatetto Jim Georgiou (al quale andrà il resto dell’incasso) che le aveva viste mentre giacevano tra i rifiuti.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here