Home Notizie Articoli di Cultura e Spettacolo Parata di stelle per il Telefono Azzurro

Parata di stelle per il Telefono Azzurro

187
0
Alvaro Soler, uno dei numerosi testimonial per Telefono Azzurro nella campagna contro il bullismo.

Molti testimonial famosi: Totti, Soler, Zanardi, Dolcenera, Arisa e Dovizioso, schierati al fianco di Telefono Azzurro nella campagna contro il bullismo.

Cominciata a metà gennaio con un video di Francesco Totti, https://www.youtube.com/watch?v=5rRws2S9BNs, prosegue – al ritmo di quasi un messaggio al giorno – la campagna social di Telefono Azzurro #Nonstiamozitti che sta coinvolgendo migliaia di utenti e vanta tra i principali testimonial Alvaro Soler, Alex Zanardi, Dolcenera, Arisa e Andrea Dovizioso. Un‘iniziativa che fa da traino alla prima “Giornata nazionale contro il bullismo” in programma il prossimo 7 febbraio.

Un focus particolare è posto sul cyberbullismo, cui Telefono Azzurro – protagonista dal 1987 della lotta in difesa dei diritti di bambini e adolescenti – ha dedicato un dossier in cui suggerisce le strategie per individuarlo e spiega cosa fa per contrastarlo.

Oltre alle iniziative di informazione, sensibilizzazione e prevenzione, sono due i mezzi principali offerti dal Centro nazionale di ascolto: la linea telefonica 19696 dedicata a bambini e ragazzi fino ai 18 anni (ma anche ad adulti e famiglie che intendono confrontarsi o segnalare situazioni che coinvolgono minori) e una chat utilizzata prevalentemente dagli adolescenti.

Attraverso l’19696 e la chat, nel corso dell’anno scolastico 2015-2016,Telefono Azzurro ha gestito quasi un caso al giorno, per un totale di 270: il 62% ha riguardato situazioni di bullismo, mentre nel 28% dei casi la richiesta di aiuto era riferita a situazioni di abusi, fragilità familiari o problemi relazionali.

Se sono i ragazzi (l’89,5%) le vittime principali degli episodi di violenza da parte dei loro coetanei, in particolare a scuola, oltre una ragazza su sei è coinvolta invece in episodi di cyberbullismo (il 16,7%), quindi online. I bulli sono generalmente maschi, amici o conoscenti della vittima, ma in un caso su quattro a compiere gli atti vergognosi è invece una “bulla”.

Per quanto riguarda i video, sono in arrivo, fra gli altri, quelli dello “zar” della pallavolo Ivan Zaytsev, di Elisabetta Gregoraci, della webstar Edoardo Mecca e dello sciatore Simone Origone.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here