Home Notizie Articoli di Cronaca Mirano: Sospesa la licenza al Bar Centrale

Mirano: Sospesa la licenza al Bar Centrale

772
bar centrale mirano - sospesa licenza

A Scaltenigo di Mirano, sospensione della licenza all’esercizio commerciale al “Bar Centrale”, da parte del Questore Gagliardi di Venezia

Nella mattinata odierna le Forze di Polizia hanno proceduto a notificare il decreto con cui il Questore di Venezia, ai sensi dell’art. 100 TULPS, sospende per 15 giorni la licenza all’esercizio commerciale “Bar Centrale” di Scaltenigo a Mirano.
Il provvedimento del Questore Gagliardi è stato adottato all’esito di una lunga attività istruttoria iniziata per effetto di varie segnalazioni della Compagnia dei Carabinieri di Mestre.
Il Bar Centrale, infatti, nell’ultimo periodo è diventato teatro di episodi di aggressione, con un grave fatto di sangue che si è di recente verificato, nonché un luogo frequentato da persone pregiudicate e pericolose.
Il primo fatto è accaduto nella tarda serata del 10 giugno 2017, quando i Carabinieri della Stazione di Mirano hanno arrestato per tentato omicidio Z.L., cittadino cinese di 36 anni (già gravato da pregiudizi di polizia per i reati di evasione, estorsione, tentata estorsione in concorso, danneggiamento, insolvenza fraudolenta), in quanto, per futili motivi, riconducibili verosimilmente al mancato pagamento di una consumazione risalente a qualche giorno prima, avrebbe reagito alla spinta datagli da R.G., rumeno di 26 anni (gravato da pregiudizi di polizia per i reati di minaccia, lesioni personali, porto abusivo di armi, violazioni di natura penale al Codice della Strada e colpito da “Avviso orale” del Questore della provincia di Venezia in data 29.05.2017), andando a prendere un coltello da cucina dietro il bancone del bar ed infliggendogli una ferita all’addome, dopo averlo raggiunto in un vicolo nei pressi del locale.
In seguito alla ferita, R.G. è stato trasportato all’ospedale civile di Mirano, ove è stato ricoverato in prognosi riservata.
Presso il bar, gli operatori hanno identificato altri clienti, tutti gravati da precedenti e pregiudizi di polizia per reati contro la persona, il patrimonio ed in materia di stupefacenti.
Un altro grave episodio risale al 27 giugno scorso, quando i militari della Stazione Carabinieri di Spinea sono intervenuti presso il Bar Centrale per la segnalazione di una lite tra alcuni avventori.
Sul posto hanno identificato E.M.A., 41enne tunisino (gravato da numerosi precedenti penali e pregiudizi di polizia per i reati di rapina, furto, lesioni personali, ingiuria, minaccia, maltrattamenti in famiglia, spaccio di sostanze stupefacenti), che lamentava dolori ad un braccio in seguito al coinvolgimento nella lite di poco prima.
Alla vista dei Carabinieri, questi si scagliava dapprima con violente testate contro l’autovettura di servizio e poi contro uno dei militari.
Veniva quindi arrestato per violenza, resistenza e oltraggio a P.U.
Il Decreto a firma del Questore Gagliardi è stato oggi notificato al gerente l’esercizio pubblico con l’applicazione dei sigilli e rimarrà chiuso per i prossimi 15 giorni.
Ad effettuare la notifica i carabinieri del posto.
Si ricorda che alla sospensione potrebbe seguire una revoca della licenza qualora episodi come quelli sopra descritti si dovessero ripetere.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here