Home Notizie Articoli di Cronaca La Guardia di Finanza chiude il noto portale “dasolo.info”

La Guardia di Finanza chiude il noto portale “dasolo.info”

470
dasolo

Nei giorni scorsi, il Nucleo di polizia tributaria di Venezia ha inibito l’accesso internet dall’Italia al sito dasolo.info, tra i più noti portali italiani del “falso multimediale” (musica, film, serie televisive, software, videogiochi, libri, applicazioni ecc.), con server allocato all’estero, ma amministrato direttamente da cittadini italiani.
Il provvedimento di sequestro, emesso dalla Procura della Repubblica di Venezia, è giunto al culmine di mirate indagini condotte dalla Fiamme Gialle anche con l’ausilio tecnico della F.P.M. (Federazione contro la Pirateria Musicale e Multimediale) e della S.I.A.E. (Società Italiana degli Autori ed Editori).
Decine di migliaia di visitatori usavano regolarmente ogni giorno la piattaforma digitale per scaricare musica, film, videogiochi, software e prodotti editoriali, sempre aggiornatissimi anche con le ultime uscite commerciali e in contemporanea con le anteprime cinematografiche e musicali.
Un portale con dimensioni tali da collocarsi tra i leader nazionali nello specifico settore con oltre 22.000 accessi unici giornalieri ed un guadagno approssimativo di oltre 250 dollari al giorno, generati dalle forme di pubblicità contenute nel sito e dalle donazioni dei visitatori (con oltre l’85% di utenti italiani).
L’operazione rappresenta un significativo salto di qualità delle indagini nel settore: oltre a inibire l’accesso al catalogo illegalmente offerto agli internauti, i Finanzieri veneziani hanno segnalato all’Autorità Giudiziaria il responsabile della moderazione delle sezioni del forum, che provvedeva a caricare sulla piattaforma i contenuti illegalmente offerti al pubblico. L’attività ha consentito, altresì, agli investigatori di acquisire preziose informazioni utili ad identificare e perseguire ulteriori uploader e gli effettivi ideatori e gestori del sito web, monitorando inoltre il costante flusso di denaro illegalmente percepito.
Lo scambio illecito via internet di file contenenti opere tutelate dal diritto d’autore è una pratica che costituisce una grave turbativa del mercato legale e che fa venir meno rilevanti introiti per l’Erario.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here