Home Notizie Articoli di Cronaca Jesolo, simula di aver subito una rapina per non confessare di essere...

Jesolo, simula di aver subito una rapina per non confessare di essere stato derubato

604
rapina

Nel pomeriggio di giovedì scorso, un giovane jesolano, dipendente di un’azienda di fornitura di generi alimentari, si era recato, insieme al padre, presso gli uffici del Commissariato di Jesolo per sporgere denuncia per rapina.
Il giovane aveva raccontato agli investigatori della Polizia che poco prima, nel corso delle consegne giornaliere di alimentari nel centro cittadino del Lido, era stato affrontato da due soggetti a bordo di una motocicletta che, dopo averlo minacciato con un coltello, avevano prelevato merce dall’interno del proprio camion frigo per poi allontanarsi con la stessa motocicletta e un’autovettura sulla quale avevano caricato la merce, per un valore di circa 200 Euro.
I poliziotti della sezione Anticrimine, nello svolgere il sopralluogo nella zona segnalata dal giovane, si rendevano subito conto di alcune incongruenze su quanto raccontato dalla vittima: i dubbi degli agenti si sono fatti ancora più consistenti dopo che alcune testimonianze raccolte in zona suggerivano che ben difficilmente quanto raccontato potesse effettivamente corrispondere alla verità.
Convocato nuovamente negli uffici di via Aquileia e messo alle strette dagli investigatori, è emersa la verità: il giovane aveva in realtà subito un furto della stessa merce dall’interno del furgone frigo mentre stava effettuando una consegna ad un chiosco sulla spiaggia: ignoti gli avevano forzato il portellone posteriore impossessandosi dei primi generi alimentari trovati a vista, ma per un valore che lo stesso giovane riteneva ingente.
Timoroso delle conseguenze che l’azienda avrebbe potuto contestargli, aveva inventato l’episodio della rapina per giustificare la mancanza della merce, ritenendo così di trovarsi in una condizione di “giustificazione” per l’ammanco dei prodotti.
Alla luce di quanto emerso, il giovane jesolano è stato indagato per il reato di simulazione di reato, mentre la paventata rapina, in realtà mai avvenuta, è stata ricondotta ad un episodio di furto, sul quale stanno comunque lavorando gli investigatori del Commissariato di Jesolo.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here