Home Video Gallery TG del Polesine Pupi Avati, un grande cuore che vive con la macchina da presa

Pupi Avati, un grande cuore che vive con la macchina da presa

416

Pupi Avati era presente al Festival Biblico di Rovigo dal 16 al 21 maggio 2017. Lo abbiamo intervistato

Il celebre cineasta e scrittore Pupi Avati ha rappresentato una delle maggiori presenze di spicco del Festival Biblico a Rovigo dal 16 al 21 maggio 2017. Il “viaggio” nel cinema del maestro bolognese corrisponde al “viaggio” nei sentimenti umani, nelle passioni e nelle paure, analizzati con la tipica cifra minimalista che ha reso grande tutta la sua opera, come una lente d’ingrandimento che forma archetipi carichi di commozione.

Al microfono dell’inviata di Televenezia Daniela Muraca, il messaggio diretto e chiaro per i giovani è: coltivare la speranza perfino fino al limite delle illusioni, unica via per acciuffare e fare proprio qualcosa di irrinunciabile, il sogno. Spazio anche ai ricordi e ad un film, “La casa delle finestre che ridono”, girato nel 1976 proprio in riva al Po, sponda ferrarese, l’altro versante del Grande Fiume che disegna il Polesine.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here