Home Video Gallery Servizi Cronaca Incendio Veritas: sopralluogo dell’assessore De Martin

Incendio Veritas: sopralluogo dell’assessore De Martin

279
0

Incendio Veritas: Si è svolto il sopralluogo degli assessori all’Ambiente Massimiliano De Martin e alla Protezione Civile Giorgio D’Este

In breve la ricostruzione di quanto accaduto. Il sinistro è nato per una causa accidentale, i cui motivi sono in corso di accertamento. Al divampare delle prime fiamme quattro operai di Veritas hanno subito cercato di intervenire, ma non potendo domare da soli l’incendio, hanno chiamato i Vigili del Fuoco. Gli addetti all’impianto sono stati poi portati in ospedale per un controllo e prontamente dimessi, tranne uno che, scivolando, ha riportato alcune contusioni e una prognosi di qualche giorno.

Scattato l’allarme di pericolo, è stato avviato immediatamente il protocollo di comunicazione d’emergenza con avvisi alla cittadinanza sul sito internet, canale Live, profilo Twitter e Facebook del Comune di Venezia. La dirigente comunale ai Servizi educativi ha subito diramato un messaggio alle scuole invitando i responsabili trattenere i bambini nelle aule. Invito in seguito ritirato non appena l’Arpav ha escluso ogni pericolo per la salute della popolazione.

Mentre prosegue l’intervento di spegnimento delle fiamme da parte dei Vigili del Fuoco, attività che richiederà ancora qualche ora, i tecnici dell’Arpav stanno continuando i loro monitoraggi sulla qualità dell’aria.

Giorgio D’Este, assessore alla Protezione Civile, ha espresso il proprio compiacimento per il funzionamento della macchina d’intervento. “I soccorsi, ha rilevato D’Este, hanno funzionato in modo efficiente rispetto del protocollo d’emergenza con un coordinamento delle forze dell’ordine, della sicurezza, dell’Arpav e della Protezione Civile, a cui va il mio ringraziamento. Oggi, ha continuato l’assessore, è girato in internet e nei telefonini un sms con una fake news per la quale domani sporgeremo denuncia per procurato allarme alle autorità competenti.”

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here