Home Notizie Articoli di Cultura e Spettacolo Vasco Rossi fa il punto su Modena Park

Vasco Rossi fa il punto su Modena Park

424
Modena Park: il sito che il primo luglio ospiterà il concerto con il maggior numero di paganti d'Europa.

Procedono i lavori di preparazione per l’evento dell’estate 2017, il concerto di Vasco Rossi il primo luglio al parco di Modena: il punto della situazione.

L’ufficio stampa di Vasco Rossi ha fatto il punto sul concerto-evento che il prossimo primo luglio celebrerà i 40 anni di carriera del Komandante, al Parco Enzo Ferrari di Modena: innanzitutto, al Cromie di Castellaneta (Taranto), la discoteca che ha già ospitato la preparazione delle ultime tournée, sono cominciate le prove.

Il gruppo che accompagnerà il Blasco sul palco è composto da: Claudio Golinelli al basso; Vince Pastano e Stef Burns, chitarre; Matt Laug, batteria; Alberto Rocchetti alle tastiere; Andrea Innesto, sax e cori; Frank Nemola, tromba, tastiere e computer; Clara Moroni ai cori. La scaletta, circa 40 canzoni, per oltre tre ore di concerto, è ancora top-secret.

A livello di logistica, i lavori nel parco sono iniziati lo scorso 29 maggio: sono previste grandi zone d’ombra, verranno piantati alberi, ci sarà un campo da calcio, altri da volley, una mongolfiera, una ruota panoramica, ristoranti, spazi per i bimbi e area relax. Il palco sarà lungo 150 metri, tutto di ferro, e ci saranno cinque schermi: uno grande centrale e quattro laterali. Altri saranno sparsi per il parco, in modo da agevolare la visione a tutti i 220.000 spettatori che hanno acquistato il biglietto.

Il concerto verrà tramesso in diretta in circa 150 cinema: la lista delle sale è stata pubblicata sul sito di UciCinemas, con tutte le informazioni. Vasco e il suo staff stanno valutando l’ipotesi di trasmettere in diretta streaming il concerto-evento anche in alcuni palazzetti dello sport.

Le misure di sicurezza saranno applicate in tutta la città e ci saranno forti limitazioni soprattutto nell’area a ridosso del parco, con barriere di protezione a delimitare le aree off limits. Oltre ai 5.500 addetti alla sicurezza, saranno installate 55 telecamere con riconoscimento facciale che vigileranno 24 ore su 24, a 360 gradi.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here