Home Notizie Articoli di Cultura e Spettacolo Il famoso squalo bianco Mary Lee

Il famoso squalo bianco Mary Lee

553
Il momento della cattura dello squalo bianco Mary Lee, taggato e diventato il più celebre fra i suoi simili.

Con una app si seguono tutti gli spostamenti dello squalo femmina Mary Lee, che ama le spiagge chic degli Hamptons e ha oltre 120mila follower su Twitter.

Una delle nuove stelle sul Web (con 124mila seguaci su Twitter) si chiama Mary Lee ed è un grande squalo bianco femmina di oltre cinque metri di lunghezza e due tonnellate di peso, che ricorda Jaws, il protagonista del thriller di Steven Spielberg. Il pescione sguazza di fronte agli Hamptons, le spiagge più chic degli Stati Uniti, dove si affacciano le ville milionarie di celebri attori e finanzieri di Wall Street, poi si sposta velocemente lungo la costa del nord-est e in cinque anni ha già percorso 65mila chilometri.

La “mascotte degli Hamptons”, come è stata soprannominata Mary Lee, gode di tanta fama perché, come i suoi nove figli nati nel maggio dell’anno scorso e decine di altri pescecani dell’Atlantico, viene monitorata da Ocearch, un’associazione di tutela dell’ambiente marino che studia via satellite i loro movimenti: basta aprire una app sullo smartphone o fare un paio di clic su computer, per conoscerne gli ultimi spostamenti.

Al di là degli input scientifici, l’obiettivo di Chris Fischer, il fondatore di Ocearch, è di contrastare l’ossessione del pubblico per i “great white” che rischia di portare all’estinzione della specie: si calcola che dal 1986 al 2000 il numero di squali bianchi sia sceso del 79%. L’attività dell’associazione, raccontata da National Geographic e altri programmi televisivi, è riuscita a catturare l’immaginazione di molti americani, come conferma @MaryLeeShark, l’account Twitter dello “squalo più famoso della storia”.

Fischer e i suoi collaboratori dopo aver catturato Mary Lee nell’autunno del 2012, al largo di Cape Cod, le inserirono un segnalatore sul corpo e da allora, ogni volta che la sua pinna emerge dalle acque dell’Atlantico, manda un ping captato da un satellite e inserito nella mappa elettronica che ne indica gli spostamenti.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here