Home Notizie Articoli di Cultura e Spettacolo Gli U2 accusati di plagio

Gli U2 accusati di plagio

117
0
Gli U2 sono stati accusati di plagio, per la loro celebre "The fly", dal chitarrista britannico Paul Rose.

A 26 anni dalla pubblicazione di “The Fly”, risalente al 1991, uno sconosciuto chitarrista britannico sostiene che gli U2 l’hanno copiata da una sua canzone.   

Con una denuncia depositata ieri, lunedì 27 febbraio, in un tribunale federale di New York, l’autore e chitarrista britannico Paul Rose accusa gli U2 e il loro leader Bono di aver rubato una delle sue composizioni per inserirla nell’album “Achtung baby”, uscito nel 1991. A suo dire il titolo che la band irlandese avrebbe in parte plagiato sarebbe “Nae slapping”, diventata il successo “The fly”.

Gli U2 avrebbero ascoltato il pezzo del compositore inglese nel 1989 quando, dopo aver firmato un contratto con la Island Records, Rose aveva recapitato una demo ai dirigenti della casa discografica. All’epoca, sostiene l’accusa, il gruppo, dopo aver pubblicato “Rattle and Hum”, era «alla disperata ricerca di un nuovo sound» per il nuovo disco e ci sarebbe un ex dipendente della Island pronto a sostenere che, durante la composizione di “Achtung baby”, Bono Vox e compagni avrebbero ascoltato più volte la musica del semisconosciuto chitarrista.

«Un qualsiasi osservatore, anche non esperto, potrebbe capire che le due canzoni sono sostanzialmente simili e che quindi si è verificata una violazione», sostiene Rose nella querela, di cui ha dato notizia il New York Post. E, in effetti, il giro di chitarra contenuto in “The fly” sembra molto somigliante a quello di “Nae slappin“.

La richiesta di Rose è di cinque milioni di dollari (circa quattro milioni e 720mila euro) di danni e interessi per i crediti del brano, oltre al pagamento delle spese legali. Né gli U2 né la casa discografica hanno replicato alle accuse che sono arrivate 26 anni dopo perché – ha spiegato l’avvocato dell’autore britannico, Thomas Mullaney – all’epoca del presunto furto il suo cliente era «appena agli inizi, e non voleva che una denuncia rovinasse la sua carriera».

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here