Carnevale: a Mestre un giovedì grasso tra cartoni animati e fiabe in...

Carnevale: a Mestre un giovedì grasso tra cartoni animati e fiabe in musica

325
0
giovedì grasso

Un giovedì grasso da non perdere, quello del Carnevale di Venezia 2017, in laguna ma anche in terraferma, dove la festa continuerà sul solco del Carnival Street Show in attesa dell’ormai tradizionale Volo dell’Asino.

Domani, 23 febbraio, a Mestre si susseguiranno infatti numerosi appuntamenti, dalle proposte indirizzate ai più piccoli fino alle iniziative a sfondo culturale, per arrivare agli spettacoli di piazza, tra musica e balli scatenati.

Tornano in due appuntamenti, al parco Piraghetto e quindi in piazza Ferretto, i performer “a pedali” del Ciclovillaggio, che con la loro simpatia ed energia sconfinata animeranno le strade di Mestre in una raffica di sketch, scherzi e battute: i cicli, condotti da quattro artisti di strada e dai ragazzi di Pedalia, sfileranno travestiti da automezzi dei pompieri, ambulanze, taxi, scuolabus, carroattrezzi e persino carri funebri, parodiando istituzioni, mestieri e arti. Chi volesse assistere allo spettacolo nello spazio verde di via Catalani troverà le biciclette “in costume” alle 15, mentre sotto la Torre civica lo spettacolo arriverà alle 17.30.

Spostandosi in piazzale Donatori di Sangue, alle 17, bambini di tutte le età potranno assistere alla divertentissima “Casa degli Gnomi” di Lucia Osellieri, che tra burattini, giocoleria e cantastorie saprà incantare i più giovani e strappare un sorriso anche a mamme e papà. L’appuntamento è negli spazi della biblioteca civica Vez, dove verrà parcheggiato il particolare teatrino su ruote, palcoscenico di uno spettacolo coinvolgente e partecipato.

Sempre alle 17.30, ma nelle sale del centro culturale Candiani, e più precisamente nell’auditorium al quarto piano, è di scena lo spettacolo “Le mille e una notte”, anche in questo caso indirizzato ai giovanissimi: due piccoli teatrini, uno per la marionetta indiana di Sharazade che introdurrà e concluderà le singole storie, l’altro destinato a trasformarsi di volta in volta nel palazzo del sultano, in un’arena di combattimenti e duelli o in una prigione. Per la prima volta, in occasione del Carnevale di Venezia 2017, lo spettacolo sarà anche arricchito da elementi scenici sviluppati nel corso di un laboratorio di progettazione scenografica attraverso la manifattura digitale dai bimbi delle classi quinte A, B e C della scuola San Gioacchino di Mestre.

Di nuovo alla Biblioteca Civica Vez, alle 19.30 e alle 20.40, toccherà al recital musicale “Sette Canzoni per l’Anguana e altre storie di dee” coinvolgere gli spettatori in una originale ricerca sul divino femminile, cominciata negli anni 70 da Antonella Barina, autrice dei testi dello spettacolo. Tra leggende, riferimenti ai miti di diversi continenti, danze e burattini, il palco sarà condiviso dalla stessa autrice, dalla cantante Monica Gori, dai musicisti Stefano Baldan, Erika Tosato, Verdiana Bacchin, e dalla ballerina Serenella Maluta. Tra le canzoni musicate da Giori, “Ciascuna di noi” sul tema del femminicidio. La composizione “acquatica” dell’opera la rende fruibile ad adulti quanto a bambine e bambini.

Prosegue poi fino al 26 febbraio la mostra per famiglie “Il Sogno del Serpente Piumato – Fiabe dal Messico”, un percorso animato dalla compagnia Woodstock Teatro legato alla Mostra Internazionale d’Illustrazione per l’infanzia di Sarmede, all’interno della sala polifunzionale del centro culturale M9. A questa si aggiunge il progetto del centro culturale Candiani, “Giochi perduti – Fotografie, balocchi e racconti alla riscoperta del tempo passato” a cura di Elisabetta Da Lio.

A chiudere il giovedì grasso di Mestre un esilarante concerto di sei “presuntuosi e irriverenti cantastorie”: i Freeway, che, agghindati a dovere, catapulteranno il pubblico nel passato, grazie alla magia evocativa sprigionata dalle più famose sigle dei cartoni animati e dei tormentoni televisivi, il tutto rivisitato in chiave Rock’n’Dance. Direttamente dai principali festival di fumetti e cosplay, ma anche dalla tv, i Freeway arrivano in piazza Ferretto, sul maestoso main stage di Mestre Carnival Street Show, dalle 18.30 alle 20, per far tornare tutti un po’ bambini.

Proseguono infine anche gli appuntamenti del Carnevale Metropolitano: a Camponogara, presso il pub Mon Amour, alle 18.30 si potrà approfittare di uno “spritz time” molto particolare; a Caorle, alle 20.30, una speciale serata ludica inaugurerà il Carnevale cittadino; a Ceggia, sempre alle 20.30, al teatro G. Toniolo in viale Duca d’Aosta la compagnia Gli amici di Cesco di San Donà di Piave presenterà “Le baruffe in famegia”, una commedia in tre atti di Giacinto Gallina; mentre a Chioggia, alle 17, lungo corso del Popolo, si potrà assistere alla performance itinerante dei giovani musicisti della banda cittadina, la Junior Band.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO