Home Notizie Articoli di Economia e società Giorno della memoria: la cerimonia al Teatro Goldoni

Giorno della memoria: la cerimonia al Teatro Goldoni

370
Giorno della memoria

Il sindaco di Venezia, Luigi Brugnaro, ha partecipato oggi al Teatro Goldoni di Venezia alla cerimonia cittadina di apertura delle iniziative promosse in occasione del Giorno della memoria. Sul palco del teatro, accanto al primo cittadino, il presidente della Comunità ebraica, Paolo Gnignati. Presenti alla cerimonia, tra gli altri, la presidente del Consiglio comunale, Ermelinda Damiano, l’assessore alla Mobilità e trasporti, Renato Boraso, il consigliere delegato all’Innovazione, Luca Battistella, il rabbino capo di Venezia, Scialom Bahbout, il prefetto e il questore di Venezia, Domenico Cuttaia e Angelo Sanna.

“Ci sono pagine della storia talmente buie – ha esordito il sindaco – che a volte si è tentati di distogliere lo sguardo, di lasciare che il ricordo sbiadisca, di dimenticare. Celebrare la Giornata della memoria significa superare questa tentazione, accettare di guardare in faccia, ancora una volta, gli abissi di malvagità in cui l’uomo può spingersi quando l’indifferenza, l’assuefazione al male, lo stordiscono e lo rendono incapace di riconoscere in ogni persona un suo simile”.

Richiamando poi la necessità di interrogarsi e lasciarsi interrogare dai fatti del passato per poter riconoscere e combattere i segni del male che sempre sta accovacciato alla nostra porta, il primo cittadino ha ricordato tutti coloro che si sono opposti al progetto di sterminio e che, a rischio della propria vita, hanno salvato altre vite e protetto i perseguitati. “Persone comuni ma coraggiose, che non si sono tirate indietro e che hanno saputo reagire con forza al male dilagante”.

Nel ringraziare la comunità ebraica e tutte le persone che hanno collaborato alla realizzazione delle iniziative del Giorno della memoria, Brugnaro ha concluso il suo intervento invitando tutti a non abbassare la guardia, perché le lezioni della storia non siano dimenticate e portino frutti concreti. “Il nostro impegno quotidiano nella costruzione di un futuro migliore – ha concluso – sia il nostro modo di ricordare. Lo dobbiamo alle vittime innocenti dell’olocausto. Lo dobbiamo ai nostri figli”.

La memoria – ha infine ricordato Paolo Gnignati nel suo discorso – per essere autentica e completa, non può fermarsi al ricordo di personaggi illustri come il professor Jona, il professor Luzzatto o il rabbino capo Ottolenghi, ma deve abbracciare potenzialmente tutte le vite sacrificate dalla persecuzione. “È allora importante ricordare che 246 furono gli ebrei veneziani deportati e assassinati per mano fascista e nazista perché, in una prospettiva ebraica, c’è un mondo che si spegne per ogni vita, anche la più semplice, che viene perduta”.

La cerimonia si è poi conclusa con un concerto di “Progetto Davka”, con musiche della tradizione ebraica klezmer rivisitate in parte in chiave jazz.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here