Home Notizie Articoli di Economia e società Fincantieri attiva il progetto “Sicurezza Attiva”

Fincantieri attiva il progetto “Sicurezza Attiva”

365
Fincantieri attiva il progetto

Fincantieri attiva il progetto “Sicurezza Attiva” anche per le ditte appaltatrici
Nell’ambito del programma formativo “Sicurezza Attiva”, avviato nei mesi scorsi a beneficio del personale interno, Fincantieri oggi ha esteso il progetto anche ai lavoratori delle ditte appaltatrici che operano negli stabilimenti italiani del gruppo.
Il progetto, che ha coinvolto oggi circa 4.000 dipendenti Fincantieri e circa 13.000 lavoratori delle ditte appaltatrici, si inserisce nell’ambito di “Verso Infortuni Zero”, il programma operativo sulla sicurezza che negli anni ha portato a una riduzione di oltre il 50% degli infortuni in azienda. L’iniziativa andrà a coprire tutti i rischi specifici presenti nei cantieri e si pone come progetto in aggiunta alla formazione obbligatoria. L’obiettivo è una sempre maggiore affermazione della sicurezza come priorità assoluta di Fincantieri, attraverso un percorso di sensibilizzazione sulle tematiche della sicurezza.
La formazione, così come già avviene per i dipendenti interni, verrà effettuata con cadenza mensile sul luogo di lavoro, non in aula, e il “docente” sarà il Capo Cantiere che, opportunamente formato, illustrerà una scheda appositamente preparata ai propri operai, contestualizzandola e rispondendo a eventuali interrogativi.
“Sicurezza attiva”, che ha dunque l’ambizione di andare a coprire, mese dopo mese, tutti i rischi specifici presenti nei cantieri, si basa proprio sulla creazione di momenti di aggregazione volti ad affrontare aspetti diversi in materia di salute e sicurezza sul lavoro. Il coinvolgimento diffuso di tutta la struttura produttiva, capi, tecnici e operai farà leva sulla responsabilità individuale di ognuno di ritenere la sicurezza come riferimento essenziale in tutte le fasi di lavoro.
In aggiunta alla formazione obbligatoria, Fincantieri ha deciso dunque di dotarsi di questo strumento, allargandolo anche alla partecipazione delle ditte appaltartici, per perseguire l’obiettivo primario di salvaguardare la salute dei propri lavoratori e di quelli delle ditte esterne che operano all’interno dei propri stabilimenti riducendo, fino ad eliminarli, gli infortuni sul lavoro attraverso un vero e proprio cambiamento culturale.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here