Home Notizie Articoli di Cultura e Spettacolo Festa del Redentore 2015: una notte di fuochi accende Venezia e la...

Festa del Redentore 2015: una notte di fuochi accende Venezia e la terraferma

3478

 
Il momento più atteso della Festa del Redentore è, da sempre, lo spettacolo pirotecnico che prende avvio alle ore 23,30 di sabato 18 luglio. Con grande aspettativa, il pubblico assiste ai ‘foghi’ della Notte Famosissima dalle rive cittadine o a bordo delle barche ormeggiate nel bacino di San Marco.
Artefice dello show pirotecnico è quest’anno la ditta Parente Fireworks che ha ideato uno spettacolo intitolato “La notte dei Foghi”: giochi di luci e colori che per 40 minuti, suddivisi in 9 atti, creeranno una indimenticabile esperienza per veneziani e visitatori.
Venticinque i punti di sparo posizionati su pontoni galleggianti al centro del canale della Giudecca che garantiranno un fronte di fuoco di cinquecento metri con una straordinaria varietà di effetti.
Lo spettacolo partirà alle 23,30 con un omaggio ai colori della città per poi dare avvio alla narrazione vera e propria con il primo quadro. Danze pirotecniche, tripudi di colori e pennellate nel cielo saranno i temi della prima parte dello show, passando in seguito ai grandi ‘archi’, ad un quadro dal ritmo incalzante e infine a delle grandi ‘peonie’. Il Gran Finale sarà preceduto da un crescendo continuo così da culminare con gli ultimi e maestosi disegni di luce nel cielo.
Ma la novità dell’edizione 2015 della “Notte Famosissima” è la programmazione di un Redentore “diffuso”, moltiplicando cioè i luoghi da cui sarà possibile godere della magia degli spettacoli pirotecnici: Parco San Giuliano a Mestre, Asseggiano, Malcontenta, Favaro Veneto, Lido e Pellestrina, sono le location protagoniste quest’anno della “notte dei Foghi”.
A Malcontenta i festeggiamenti iniziano alle ore 16,00, presso la chiesa parrocchiale, ad Asseggiano in piazza dalle ore 17.00, a Favaro dalle ore 19.30 presso il centro sportivo in via Monte Cervino, al Parco di San Giuliano di Mestre alle 23.30 con lo spettacolo pirotecnico caratterizzato dai “fuochi a terra” dell’altezza massima di 20/25 metri, dal minore impatto visivo, al Lido dalle 21.00 con il concerto di Maria dal Rovere e la sua band presso il Piazzale di Santa Maria Elisabetta, a Pellestrina dalle ore 19.30 in piazza Zendrini.
Tutti gli spettacoli pirotecnici partiranno all’unisono: alle 23.30, in contemporanea con l’evento principale, e sebbene siano caratterizzati da una durata inferiore (15 minuti circa), non mancheranno di stupire per varietà di effetti.
“Uno sforzo organizzativo importante” dichiara l’Amministratore Unico di Vela Spa, Piero Rosa Salva “fortemente voluto dall’Amministrazione Comunale e che ha coinvolto Vela, in primis, e l’intero gruppo AVM. Abbiamo accolto con entusiasmo l’idea di estendere la Festa del Redentore a tutto l’entroterra veneziano, oltre che al Lido e a Pellestrina, avvicinando in questo modo una ricorrenza così profondamente radicata nel tessuto sociale cittadino anche a tutti coloro che non potranno partecipare all’evento tradizionale in bacino di San Marco”.
Come ogni anno, le celebrazioni della Festa del Redentore iniziano alle ore 19,00 di sabato 18 luglio, con l’apertura del “Ponte Votivo” che attraversa lo specchio d’acqua tra le Zattere e la chiesa del Redentore alla Giudecca, e con la presentazione degli equipaggi delle regate di voga alla veneta, che si svolgeranno sul canale della Giudecca il giorno seguente. Alle ore 16,00 di domenica infatti, iniziano le competizioni sportive, che rientrano nella Stagione Remiera veneziana, con la regata dei giovanissimi su pupparini a 2 remi, poi, alle ore 16.45, la regata su pupparini a 2 remi, infine, alle ore 17.30, quella dei “campioni” su gondole a 2 remi. Conclude le celebrazioni la Santa Messa Votiva, alle ore 19,00, presso la Chiesa del Redentore della Giudecca.
A completamente della suggestiva scenografia della Festa del Redentore, spiccano le oltre 6.000 luminarie tradizionali posizionate con tre chilometri di cavo lungo la riva delle Zattere e dell’isola della Giudecca.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here