Home Notizie Articoli di Economia e società Dimmi dove vuoi andare: itinerari e orari di Actv online tramite il...

Dimmi dove vuoi andare: itinerari e orari di Actv online tramite il progetto OpenData

666
orari di actv

Gli orari di Actv, resi disponibili in formato OpenData, sono da oggi utilizzabili in molte modalità grazie alla collaborazione tra le società del gruppo AVM, il Comune di Venezia e alcuni tra i maggiori produttori di servizi internet per la mobilità, tra cui Google Maps, Moovit, Nokia, Microsoft. Il progetto è stato presentato questa mattina, nella sede della holding veneziana per la mobilità, alla presenza del direttore generale e del direttore Programmazione e controllo del Comune di Venezia, rispettivamente Marco Agostini e Maurizio Carlin, del presidente di Avm Spa, Alessandro Moro, del presidente di Actv Spa, Luca Scalabrin, dell’amministratore unico di Vela Spa, Piero Rosa Salva e di Luca Corsato, dell’associazione #OpenDataVenezia.
“Quando il Comune di Venezia dal 2012 si è impegnato a introdurre la pratica degli open data – ha sottolineato il direttore generale, Marco Agostini – non si è limitato ad adempiere in modo formale alle prescrizioni di legge, ma grazie alle sollecitazioni dei cittadini, ha cercato di costruire servizi volti alla trasparenza della macchina amministrativa, in tutti i suoi ambiti: dall’organigramma alla mobilità. Il nostro obiettivo è quello di dare risposte concrete a residenti e visitatori. Proprio in quest’ottica – ha anticipato – fra un paio di mesi il biglietto dell’Actv potrà essere caricato sul telefonino”.
“Sul portale “Open data” http://dati.venezia.it – ha evidenziato il direttore della Programmazione controllo, Maurizio Carlin – sono stati pubblicati oltre 90 dataset, un patrimonio informativo a disposizione di gruppi, associazioni, privati che volessero riutilizzare i dati per varie finalità, anche commerciali. L’invito che rivolgiamo ai cittadini è di richiedere la pubblicazione di ulteriori banche dati in possesso dell’Amministrazione verso le quali abbiano interesse. Si tratta di una nuova prospettiva, di una forma inalienabile di diritto all’informazione”.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here