Home Video Gallery Servizi Salute e benessere Il dietista Carlo Giolo presenta il libro “La dieta dei mestieri”

Il dietista Carlo Giolo presenta il libro “La dieta dei mestieri”

949

Carlo Giolo, dietista, ha racchiuso nel libro “La dieta dei mestieri” alcune utili indicazioni per l’alimentazione dei vari lavoratori.


Carlo Giolo, dietista e consulente per la salute e la sicurezza, ha messo insieme le sue competenze per dar vita al libro “La dieta dei mestieri”, scritto da Eleonora Buratti. Questo libro analizza 16 mestieri e propone una dieta per ciascuno di essi, partendo dalle patologie in cui i vari lavoratori potrebbero incorrere. Non è un libro di ricette, ma un manuale di intervento che mette in rapporto l’importanza dell’alimentazione con il lavoro ed è utilizzato anche per fare formazione nelle aziende. Uno studio dell’INAIL rivela che la maggior parte degli infortuni sul lavoro avvengono nel periodo postprandiale, quindi l’obiettivo è migliorare la produttività e la sicurezza del lavoratore utilizzando determinati alimenti durante la pausa pranzo. Attraverso alimenti funzionali, infatti, si vanno a ridurre i rischi che peggiorano la salute di chi lavora. Qualche esempio. Un benzinaio è soggetto all’inalazione di idrocarburi policiclici aromatici (IPA), che sono una sostanza cancerogena. Utilizzando alimenti come patate, fragole e pomodoro, che contengono l’acido clorogenico, si può intervenire a raccogliere questa sostanza in modo che l’organismo non la assimili, ma la elimini. Gli impiegati, che conducono una vita sedentaria, sono soggetti a ritenzione idrica, difficoltà di circolazione sanguigna, perciò devono assumere in apertura dei pasti alimenti che contengano molto potassio, vitamina B6 o il rafanolo, che servono a proteggere i capillari ed eliminare i liquidi in più. Gli infortuni degli autotrasportatori sono in larga parte legati alla sonnolenza del dopopranzo, causata da scorretta alimentazione o combinazione di alimenti che provoca difficoltà digestiva. Per questa categoria servono sostanze che creino maggiore prontezza di riflessi, come il boro che si trova in alimenti tra cui pere, prugne e fagioli.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here