Home Video Gallery Impresa al Centro Contraffazione: dalle filiere illecite alla nuova frontiera di Internet

Contraffazione: dalle filiere illecite alla nuova frontiera di Internet

330

La Guardia di Finanza adotta delle direttrici fondamentali per far fronte alla contraffazione e a un circuito criminale più ampio di quello che appare

I dati nazionali sui sequestri di merce contraffatta sono enormi. Il Generale Giovanni Avitabile conferma che dal 2012 al 2016 sono stati ritirati dal commercio 1 miliardo di pezzi (68% dei quali beni di consumo). Tra questi spiccano i marchi contraffatti che replicano indebitatamente marchi tutelati e registrati; i prodotti non sicuri, privi del marchio CEO e quindi realizzati con materiali non conformi alla normativa, e la pirateria audiovisiva del settore che replica prodotti dell’ingegno, piuttosto che musiche o film senza l’autorizzazione dell’autore.

Questo mondo assai variegato esiste perché il mercato è aperto. C’è una forte domanda di prodotti illegali sulla quale si innescano le organizzazioni criminali. La contraffazione è di fatto un moltiplicatore di illegalità, perché alimenta il lavoro nero, sfrutta l’immigrazione clandestina e produce riciclaggio. Chi compra merce contraffatta nutre una vera e propria filiera illecita.

La Guardia di Finanza ne è consapevole a agisce cercando di arginare il fenomeno attraverso tre direttrici: il controllo delle frontiere, la sorveglianza degli aeroporti, e lo sradicamento delle filiere illecite. Per scoprirle è importante individuarne i centri di produzione, di stoccaggio e di importazione, in modo da poter colpire dal punto di vista patrimoniale le organizzazioni e le strutture imprenditoriali che ne traggono profitto.

Internet è la frontiera moderna della contraffazione. È una sorta di vetrina globale che mette in collegamento in maniera molto semplice e immediata il cliente potenziale e il venditore. La Guardia di Finanza è attrezzata e sta creando un motore di ricerca semantico che scandaglia la rete attraverso la ricerca di parole chiave, per trovare annunci che pubblicizzano la vendita di merce contraffatta. La Cina registra oltre 500 miliardi di euro di fatturato nel commercio online. Questo profilo di transnazionalità ostacola le indagini.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here