Home Notizie Articoli di Cultura e Spettacolo Conosciamo meglio i “nuovi fenomeni” Ofenbach

Conosciamo meglio i “nuovi fenomeni” Ofenbach

124
0
La copertina di "Be mine" degli Ofenbach, che cita esplicitamente quella di "Born in the Usa" di Springsteen.

I parigini Ofenbach si sono conosciuti a scuola, prima di abbandonarla e dedicarsi alla loro musica che, dopo la Francia, cerca di conquistare l’Europa. 

Si chiamano Ofenbach, vengono da Parigi e sono considerati i nuovi astri nascenti della musica elettronica francese: il duo, composto da César Laurent de Rumel e Dorian Lauduique, dopo aver riscosso un discreto successo in patria, sta scalando le classifiche anche di altri paesi europei – Italia compresa – con “Be mine“.

I due che si sono conosciuti a scuola, frequentando lo stesso college, hanno condiviso sin da subito la passione per la musica e poi hanno interrotto gli studi per dedicarcisi completamente. Come Ofenbach hanno cominciato a fare sul serio un paio d’anni fa, remixando canzoni pop di successo come “Hold back the river” di James Bay e “Feel the vibe” di Bob Sinclar. In seguito sono arrivate le prime canzoni: “What I want” e “You don’t know me” e il contratto con Warner Music.

La famosa “Be mine” – prima anticipazione del loro album di debutto, di prossima pubblicazione -, mischia sonorità folk e country ad altre più elettroniche e dance, vera e propria cifra stilistica degli Ofenbach, mentre il testo, scritto dall’autrice Gabriella West, riprende uno dei luoghi comuni più frequenti nei testi delle canzoni dance: un ragazzo vede una ragazza ballare in discoteca e vuole portarsela a letto.

La copertina, se non si fosse capito, è una citazione di “Born in the USA”, di Bruce Springsteen: al posto del cappellino rosso che il Boss teneva nella tasca posteriore dei jeans in quella foto, c’è una bandana rossa legata ai jeans della ragazza che richiama il cosiddetto “Codice Hanky”, un sistema di segnalamento impiegato di solito da uomini gay in cerca di sesso occasionale per indicare le loro preferenze attraverso il colore del fazzoletto e alla posizione in cui viene indossato. 

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here