Home Notizie Articoli di Cultura e Spettacolo Con Apple Pay rottami il portafoglio

Con Apple Pay rottami il portafoglio

176
0
Presto dovrebbe sbarcare anche in Italia il servizio per pagare con l'iPhone, già attivo in altri Paesi europei.

Arriverà presto in Italia Apple Pay, il nuovo sistema di pagamento – tramite un applicazione dell’iPhone – per fare acquisti sia nei negozi fisici che online.

Apple Pay è il sistema di pagamento, utilizzabile nei negozi tradizionali e in Internet, sviluppato dall’azienda di Cupertino che presto dovrebbe debuttare nel nostro paese. Almeno a giudicare dalla pagina ufficiale Apple in lingua italiana, dove è comparsa la dicitura “In arrivo” nella sezione dedicata a questo servizio: a Visa e Mastercard, già supportate da Apple Pay, si sono aggiunte anche le carte emesse da Unicredit, Carrefour Banca e Boon.

Il servizio funziona con l’omonima applicazione, da installare sul proprio dispositivo, poi sarà sufficiente aggiungere nell’apposita lista la carta supportata e si potrà procedere con le transazioni. I presupposti tecnologici, su cui Apple lavora ormai da tempo, sono fondamentalmente due: un sensore di impronte digitali, tramite il quale ci si può identificare e autorizzare la transazione, e il chip Nfc interno per la comunicazione a breve distanza, con cui ci si mette in contatto con il Pos dell’esercente.

La comunicazione avviene tramite un codice monouso generato dal chip: l’utente avvicina lo smartphone al terminale, conferma la propria identità con l’Id touch ed effettua il pagamento. Il sistema garantisce sicurezza e riservatezza perché non vengono archiviati tutti i dati, ma solo quelli relativi alle transazioni più recenti. Apple Pay può essere utilizzato, inoltre, negli store di ambienti iOs o via web con il browser proprietario Safari.

Il servizio, lanciato negli Stati Uniti nell’ottobre del 2014, si è espanso gradualmente nel mondo: attualmente è attivo in Canada, Australia, Nuova Zelanda, Cina, Russia, Giappone, Singapore, Taiwan e in alcuni paesi europei (Regno Unito, Francia, Svizzera, Spagna e, dal 7 marzo, in Irlanda). L’aggiornamento sul sito di Apple Italia, con la dicitura “In arrivo”, fa pensare che a breve verrà lanciato anche da noi.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here